Industria 4.0, è ora di adottare una mentalità orientata all'intelligenza artificiale - CorCom

SPONSORED STORY

Industria 4.0, è ora di adottare una mentalità orientata all’intelligenza artificiale

La perturbazione innescata dall’IA propone sia sfide sia opportunità. Solo soluzioni progettate in modo nativo possono stimolare l’adozione. Gli scenari applicativi? Una miriade. L’intervento di Mike Bai, President of Strategy Marketing, Western Europe di Huawei Technologies

09 Apr 2020

Mike Bai

President of Strategy Marketing, Western Europe, Huawei Technologies

Le tecnologie emergenti stanno stimolando una nuova rivoluzione industriale in tutto il mondo, e l‘intelligenza artificiale (IA) è indubbiamente divenuta una delle forze principali che libereranno le potenzialità della quarta rivoluzione industriale. Lo sviluppo dell’IA continua ormai da più di mezzo secolo e sta ora facendo grandi passi in avanti verso una nuova fase di crescita. I progressi delle nuove teorie e tecnologie, ad esempio Internet, i Big Data, il supercomputing, le reti di sensori e la scienza dei dati, uniti alla forte domanda e alle tendenze consolidate sia in termini economici che sociali, hanno fatto dell’IA una componente legittima della strategia di automazione di qualsiasi organizzazione.

Adottare una mentalità orientata all’IA

L’obiettivo di Huawei nell’evidenziare il ruolo dell’IA come tecnologia di uso generale (GPT) è catalizzare l’attenzione su quanto preziosa e determinante sarà l’intelligenza artificiale per il nostro futuro collettivo. Come tecnologia GPT, l’IA ci aiuterà a trovare soluzioni più efficienti per i problemi che siamo già in grado di affrontare. Ma ci aiuterà anche ad affrontare problemi tuttora irrisolti. Se vogliamo restare un passo avanti come società, dobbiamo adottare una mentalità orientata all’IA, ovvero avvalerci di concetti e tecnologie IA per affrontare i problemi sia attuali che futuri.

La nostra esperienza dimostra che l’intelligenza artificiale è in grado di sostituire gli esseri umani in alcune attività, nonché di automatizzare la riduzione dei costi nei cicli di produzione. Questa è forse la caratteristica più interessante dell’IA, nonché quella che la distingue dall’informatizzazione comunemente intesa, che di per sé stessa non è in grado di ridurre automaticamente i costi di produzione. Partendo da questa consapevolezza, Huawei ha identificato segnali chiari di come l’IA sarà in grado di modificare o comunque perturbare molti settori industriali:

I trasporti intelligenti ottimizzeranno notevolmente il traffico. Le auto elettriche e a guida autonoma altereranno in maniera sostanziale l’industria automobilistica. La didattica personalizzata offrirà sia agli insegnanti che agli studenti notevoli vantaggi in termini di efficienza. Nel settore della sanità, la prevenzione anticipata e i trattamenti mirati potrebbero aumentare notevolmente l’aspettativa di vita. Gli studi sui farmaci mirati con maggiore precisione taglieranno i costi e le tempistiche per la scoperta di nuove medicine. La traduzione in tempo reale in diverse lingue faciliterà più che mai le comunicazioni. Il funzionamento e la gestione delle reti di telecomunicazione diverranno più efficienti.

Quando IA significa sicurezza

I possibili scenari applicativi per l’intelligenza artificiale sono una miriade, ma il settore minerario è forse quello dove i vantaggi sono veramente tangibili. Nonostante l’industria carboniera resti un pilastro dello sviluppo economico in molti paesi del mondo, è inequivocabilmente pericolosa per quelli in prima linea. Tuttavia, la tecnologia sta contribuendo a rendere più ‘smart’ la sicurezza nella produzione carboniera: gli incidenti stanno declinando da diversi anni grazie alle normative più stringenti focalizzate sulla meccanizzazione, l’automazione e l’estrazione intelligente.

Grazie ai Big Data e all’IA, la soluzione Mine Brain di Huawei può incrementare la sicurezza nelle miniere di carbone ottimizzando il luogo di lavoro e rendendone più efficiente la supervisione. È in grado di sostituire gli esseri umani negli ambienti più pericolosi nonché di occuparsi delle attività più ripetitive e tediose. Ad esempio, le capacità di visione artificiale di Mine Brain possono monitorare i nastri trasportatori raschiatori, riducendo il numero di operatori a tutto vantaggio dell’efficienza.

Le capacità di visione artificiale di Mine Brain sono in grado di notificare eventuali comportamenti non sicuri al sistema di monitoraggio locale, che può quindi emettere le relative avvertenze. La soluzione può inoltre proteggere il personale identificando possibili cambiamenti riguardanti lo stato degli oggetti o dell’ambiente sul luogo di lavoro. La visione computerizzata consente di individuare possibili situazioni non sicure, ad esempio la presenza di lavoratori davanti a una tagliatrice o l’assenza di protezioni sui supporti idraulici, ed emettere avvertenze attraverso il sistema di trasmissione. Il sistema può quindi registrare tali eventi nel software e includere questi tipi di incidenti nelle future valutazioni della sicurezza.

Focalizzazione sulla funzionalità delle soluzioni IA di Huawei

La perturbazione portata dall’IA propone sia sfide che opportunità. Per consentire ai nostri clienti e partner di imbrigliare la potenza della rivoluzione portata dall’intelligenza artificiale, apriremo il nostro hardware, come i server, le schede di accelerazione e i moduli per l’IA, con l’obiettivo di mettere a loro disposizione i componenti, i tool e il supporto di cui hanno bisogno per integrare l’intelligenza artificiale nei loro prodotti e le loro soluzioni. Questo significa che il nostro software sarà open source, inclusi sistemi operativi e database dei server nonché le infrastrutture di sviluppo per l’IA. Questo aiuterà i nostri partner a sviluppare software commerciale con maggiore facilità, e consentirà lo sviluppo e la portabilità delle applicazioni.

Per questo Huawei propone un portafoglio IA full-stack per qualsiasi scenario che include chip, abilitazione chip, una struttura di formazione e inferenza nonché l'”Application Enablement”. Quest’approccio si espleta su quattro layer, focalizzati sulle funzionalità offerte dalla nostra tecnologia: Ascend è il layer IP e chipset e costituisce la base della soluzione full-stack. Ha l’obiettivo di garantire prestazioni ottimali per qualsiasi scenario con costi minimi.

Il layer CANN (Compute Architecture for Neural Networks) risiede sopra il layer del chip. Offre una libreria di operatori chip e i toolkit di sviluppo operatore. L’obiettivo è quello di garantire un’efficienza di sviluppo ottimale con operatori performanti, soddisfacendo i requisiti determinati dalla crescita esponenziale nelle ricerche accademiche e nelle applicazioni industriali.

MindSpore è una struttura unificata di formazione/inferenza progettata per essere intuitiva, facile da utilizzare e adattabile a qualsiasi scenario.

Il layer di Application Enablement è una piattaforma PaaS (Platform as a Service) di apprendimento automatico che offre servizi full-process, API gerarchiche e soluzioni pre-integrate. È stata sviluppata per soddisfare le esigenze esclusive di diversi sviluppatori e facilitare l’adozione dell’IA.

Il programma AI Ecosystem di Huawei potenzia l’IA in Europa

Huawei è particolarmente impegnata ad investire nel settore dell’informatica IA con un’ampia gamma di iniziative in Europa, per consentire alle aziende e ai singoli sviluppatori di avvalersi dei prodotti della serie AI Ascend per favorire l’innovazione tecnologia e commerciale. Ad esempio, Huawei collaborerà con diversi partner, tra i quali l’European AI Alliance, l’European Telecommunications Standards Institute (ETSI) e la Big Data Value Association (BDVA), per migliorare le normative e gli standard sull’etica e la sicurezza dell’intelligenza artificiale e contribuire alla ricerca in questo campo.

Huawei svilupperà inoltre soluzioni congiunte con i partner ISV. Gli OpenLab a Monaco e Parigi sono centri di competenza sull’IA che supportano i partner ISV in ambito hardware e portabilità nonché nel marketing congiunto. Continuando a focalizzarsi sull’abilitazione degli sviluppatori, Huawei organizzerà incontri tecnologici offline, concorsi tra sviluppatori e fornirà supporto tecnologico tramite la Ascend Developer Community.

L’IA richiede soluzioni adatte a qualsiasi scenario in modo nativo

Oltre ai quattro layer già menzionati, il nostro portafoglio includerà schede di accelerazione IA, server IA, elettrodomestici IA e molti altri prodotti. Riteniamo che solo soluzioni adatte a qualsiasi scenario in modo nativo possano stimolare l’adozione dell’IA e portarla veramente ovunque. Per questo offriamo anche diversi scenari per l’implementazione dell’IA: cloud pubblici e privati, edge computing, dispositivi per l’IoT industriale e consumer.

In Huawei, lavoriamo ogni giorno per fare dell’IA una realtà quotidiana, inclusiva e disponibile a tutti. Huawei è impegnata a lavorare a stretto contatto con i nostri clienti, i nostri partner e il settore accademico per crescere insieme, favorire la diffusione dell’IA e in definitiva creare un mondo completamente connesso e ‘smart’. Grazie al portafoglio IA full-stack destinato in modo nativo a qualsiasi scenario, siamo pronti a offrire il nostro supporto all’intelligenza artificiale per tutti: persone, case od organizzazioni

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4