IL PROGETTO

Infrastrutture critiche, a Bologna il living lab per la resilienza

Realizzato nell’ambito del progetto europeo Precinct, l’hub avrà il compito di testare la piattaforma ecosistemica per le performance delle reti. In campo Lepida

02 Nov 2022
reti-network-internet-111111124340

A settembre è stato avviato il Living Lab (LL) di Bologna volto a implementare e testare la piattaforma ecosistemica del progetto europeo Precinct, dedicata all’incremento della resilienza delle infrastrutture critiche (IC). La rete pubblica di Lepida svolge un duplice ruolo: è sia una IC e connette anche le altre IC coinvolte nell’area sperimentale ovvero l’Aeroporto, la Stazione Centrale e i loro transiti per il trasporto passeggeri (People Mover e autobus). Lepida mette a disposizione le proprie tecnologie, conoscenze e competenze.

L’obiettivo del progetto Precinct

L’obiettivo è condividere un approccio comune e integrato di gestione della sicurezza cyber-fisica per garantire maggiore protezione ai cittadini, ai servizi pubblici e alle infrastrutture del territorio. Fin dalle prime fasi di definizione degli scenari di rischio del complesso ambito di sperimentazione, Lepida sta prefigurando servizi e soluzioni più resilienti: un termine molto in voga oggi, ma che per la società ha un chiaro significato nel senso di guida verso la continuità delle comunicazioni, anche in situazioni inattese.

Le soluzioni

Le soluzioni richiedono l’acquisizione di una grande mole di dati. Il Living Lab offre un ulteriore potenziale spunto per arricchire le iniziative che si stanno sviluppando nel territorio regionale nell’ambito della gestione dei Big Data e della loro elaborazione, anche in ottica IoT. In coerenza con la propria mission, Lepida intende usare il LL per sperimentare il coinvolgimento diretto degli stakeholder privati e pubblici delle infrastrutture critiche nell’area oggi di Bologna, acquisendo maggiore consapevolezza della mission e dei requisiti specifici degli utenti finali, e in principal modo dei suoi azionisti. La sperimentazione, i risultati e l’ulteriore interazione con i soggetti portatori di interesse consentiranno a Lepida di ampliare, modellare e replicare questo approccio rispondendo alla sua mission di fornitore regionale di connettività per il territorio.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

L
lepida

Approfondimenti

I
infrastrutture critiche

Articolo 1 di 5