Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

WEB MARKETING

Insem si consolida in Germania

L’azienda di web marketing punta un occhio alla Borsa, nel segmento Aim Italia o nell’analogo di Francoforte

11 Nov 2014

Lorenzo Forlani

Insem, pmi tutta italiana specializzata nel web marketing, consolida la sua presenza in Germania e punta anche un occhio alla borsa, nel segmento Aim Italia o nell’analogo di Francoforte. Fondata nel 2010 dai fratelli Carmine (presidente) e Tommaso G. Pappagallo (ad) insieme ad Antonio Conza (vicepresidente), da 2 anni circa Insem ha iniziato a presidiare il mercato tedesco, aprendo la Insem GmbH con sede a Monaco di Baviera, controllata al 100 per cento da Insem spa. E ora, dopo un periodo di analisi e presa di contatti con il territorio ha stretto un accordo con Bavaria Invest, l’agenzia del Ministero bavarese degli affari economici ed ha effettuato grazie anche al supporto di Unicredit Banca, un nuovo aumento di capitale per ulteriori euro 300 mila .

“ll mercato tedesco – racconta Tommaso G. Pappagallo ad di Insem – è particolarmente interessante per il nostro settore, infatti il 23% delle imprese tedesche non ha un proprio sito e un altro 43% non è posizionata, quindi vi è una grande opportunità per i servizi di “web marketing” e di “web solutions. Inoltre – continua Pappagallo – la Germania vanta la più alta popolazione online europea con il 70% della popolazione connessa ad Internet e 55 milioni di utenti online e rappresenta un mercato molto evoluto e competitivo per la pianificazione di strategie web marketing mirate”.

L’andamento del giro di affari per Insem Italia ha registrato dati di crescita più che positivi: tra il 2012 e il 2014 il business è più che raddoppiato arrivando a 4 milioni di euro, nel 2014, per supportare il processo di internazionalizzazione è subentrato quest’anno anche un investitore istituzionale, H2i SpA del Gruppo InPrendo che ha acquisito il 20 per cento del capitale. Il prossimo traguardo è la quotazione.

Argomenti trattati

Approfondimenti

A
aim
B
borsa
W
web marketing

Articolo 1 di 5