Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Insight rivenditore di True Image Virtual Edition

11 Mag 2009

Acronis annuncia di aver selezionato Insight come rivenditore di
True Image Virtual Edition, la sua soluzione per la gestione di
backup, ripristini e migrazioni in ambienti virtuali.
L’innovativa release permette di effettuare operazioni mission
critical come ripristini e back up su più macchine virtuali che
sfruttano la potenza di calcolo di un unico server fisico, oltre a
essere in grado di migrare in modo semplice e sicuro le macchine
virtuali all’interno di un ambiente fisico se necessario. Acronis
True Image Virtual Edition sarà disponibile presso Insight e un
numero ristretto di partner selezionati.

“Siamo felici di lavorare con Acronis per la commercializzazione
di un prodotto così importante come True Image Virtual Edition. Il
mondo della virtualizzazione sta bussando sempre più forte alle
porte delle piccole e medie imprese, ma persino nel mercato
enterprise fatica ad imporsi la consapevolezza relativa alle
necessità di protezione degli ambienti virtualizzati”, dichiara
Pietro Marrazzo, Sales Manager MidMarket di Insight. “Acronis ci
permette di offrire una soluzione collaudata, che ha già dato
grande prova di sé negli ambienti fisici. Ora potremo fornire ai
nostri clienti lo stesso valore anche in ambienti virtuali”

Mauro Papini, Country Manager di Acronis per l’Italia, commenta:
“La rivendita di prodotti come il nostro True Image Virtual
Edition richiede attenzione al mercato, esperienza e visibilità
sulle esigenze dei clienti. La storia di Insight nel campo della
virtualizzazione è in grado di garantirci tutti questi
requisiti” Progettata per permettere di valutare in modo più
semplice il rapporto fra costi e benefici delle operazioni di
backup e ripristino in ambito virtuale, Acronis True Image Virtual
Edition permette di semplificare e ottimizzare la protezione e
l’eventuale ripristino di un massimo di 99 macchine virtuali;
limite entro il quale non si richiede alcun investimento aggiuntivo
per gestire un’ulteriore macchina virtuale.