Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL CONTEST

Inspiring Fifty sbarca in Italia: si apre la caccia alle digital women

Per la prima volta nel nostro Paese l’iniziativa europea che seleziona le 50 donne più influenti nel settore. In campo anche Microsoft Italia. Ecco come candidarsi

19 Lug 2018

F. Me

Via alle candidature per la prima edizione italiana di Inspiring Fifty, l’iniziativa europea a cura di Janneke Niessen e Joelle Frijters che seleziona le 50 donne più influenti nel mondo della tecnologia: imprenditrici, top manager di azienda, influencer, ricercatrici ed esponenti delle istituzioni che si sono distinte nel corso dell’anno per essere eccellenze del mondo tecnologico nonchè modelli di riferimento a cui ispirarsi.

Dopo numerose edizioni in Europa e nel mondo che hanno visto la selezione di figure del calibro di Neelie Kroes, ex Vice presidente della Commissione Europea, responsabile dell’Agenda Digitale, Natalie Massenet, già fondatrice di Net-à-Porter e ora investitrice con il suo fondo Imaginary Ventures e di Nicola Mendelsohn, VP Emea Facebook, Inspiring Fifty approda anche nel nostro Paese, con l’obiettivo di far conoscere alle giovani italiane – ma anche agli uomini – professioniste qualificate che hanno fatto la differenza, affinché possano diventare modelli di riferimento e preziose fonti di ispirazione.

Secondo dati Microsoft Italia, che collabora all’iniziativa, il 45% delle studentesse italiane è alla ricerca di modelli di riferimento femminili, particolarmente in ambito Stem: il 73% delle ragazze preferisce donne scienziate e professioniste a personaggi famosi (Fonte: European Girls in Stem, 2018).

“Sappiamo che ci sono leader nell’innovazione e nella tecnologia anche in Italia, ma spesso le si conosce poco e non se ne parla abbastanza –   commenta Paola Bonomo, angel investor e consigliere indipendente, selezionata tra le Inspiring Fifty europee nel 2015 e 2016 e oggi ambassador del programma per l’Italia – Qualunque donna lavori nel settore tecnologico ha da anni come punto di riferimento manager e imprenditrici come Sheryl Sandberg, Angela Ahrendts o Julia Hartz; vogliamo ora che anche in Italia diventino visibili coloro che stanno spingendo la rivoluzione digitale del Paese.”

Fino al 30 settembre 2018, sul sito http://www.inspiringfifty.com/ è possibile candidarsi per essere riconosciute come “modelli” nel mondo dell’innovazione e della tecnologia. Oppure è possibile – anche per gli uomini –  suggerire candidate all’indirizzo info@inspiringfifty.com. Una giuria composta da personalità di spicco del mondo imprenditoriale, del business e dell’accademia sceglierà entro dicembre 2018 la lista delle 50 role model.

“Dati recenti dimostrano che per le giovani studentesse italiane è importante avere un modello, che sia fonte di ispirazione per mantenere viva la passione per le materie scientifiche e per incentivarle a continuare il proprio percorso di studi in questo ambito – commenta Barbara Cominelli, direttore Marketing & Operations Microsoft Italia, selezionata tra le Inspiring Fifty Europe nel 2016 e 2017 e membro della giuria dell’edizione italiana 2018 – È quindi fondamentale continuare ad alimentare questo circolo virtuoso, facendo conoscere al grande pubblico le eccellenze italiane in ambito Stem, per comprendere le potenzialità e le opportunità concrete legate all’innovazione e alla tecnologia. Essere parte attiva di questa importante iniziativa insieme ad altri grandi player del settore è per noi motivo di orgoglio: dare la possibilità ai giovani di avvicinarsi alle materie scientifiche e al digitale contribuirà a creare i professionisti di domani, dotati di quelle competenze sempre più richieste dal mercato”.

“La tecnologia è sempre più importante in tutto quello che facciamo. Siamo convinte che il futuro debba essere inclusivo e quindi costruito da un gruppo di persone che rappresentano la società in cui viviamo in tutta la sua diversità – sottolinea Janneke Niessen, cofondatrice di Inspiring Fifty –  I dati dimostrano che una delle principali ragioni per cui le ragazze e le donne lasciano le Stem è la mancanza di role models. Con Inspiring Fifty vogliamo rendere più visibili i fantastici punti di riferimento che abbiamo a disposizione. Se si può vedere, si può fare”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

I
Inspiring Fifty
M
Microsoft
S
Stem

Articolo 1 di 5