INNOVAZIONE

Intelligenza artificiale, si apre la sfida per la PA locale

Informatica Alto Adige, Lepida, Pasubio Tecnologia e Trentino Digitale in campo per sfruttare al massimo le opportunità che la tecnologia offre alle amministrazioni. Cruciale la collaborazione con le università del territorio

Pubblicato il 11 Dic 2023

Enzo Lima

chat gpt

Come l’Intelligenza Artificiale può essere utilizzata in modo efficace per gestire il territorio e i processi amministrativi? Quali strumenti possono migliorare la sorveglianza e la gestione dei rischi? Quali sono le competenze necessarie e le implicazioni etiche da considerare? A questi e a numerosi altri interrogativi che accompagnano il nascente rapporto tra Pubblica Amministrazione e queste nuove tecnologie ha cercato di fornire risposte l’evento “AI per la trasformazione digitale delle amministrazioni locali: sfide e opportunità”, secondo appuntamento organizzato dal Cerchio Ict tenutosi lo scorso 29 novembre in modalità ibrida, vale a dire presso sedi nelle città che ospitano le quattro società in house che hanno dato vita all’accordo (Bologna per Lepida, Bolzano per Informatica Alto Adige, Schio per Pasubio Tecnologia e Trento per Trentino Digitale) e in diretta streaming integrale. Dopo il saluto istituzionale in rappresentanza dei territori su cui agiscono le quattro società in house – tra cui quello dell’Assessora della Regione Emilia-Romagna Paola Salomoni – la giornata è entrata nel vivo con l’intervento di Gianvito Lanzolla sul tema del governo dell’Intelligenza Artificiale.

I panel

L’evento è proseguito con due panel “Gestione del territorio: monitoraggio e governo” e “Migliori servizi: automazione dei procedimenti”, durante i quali si sono confrontati qualificati relatori – tra i quali, per Bologna, Elena Bellodi Professore associato del Dipartimento di Ingegneria di Unife, e Riccardo Rovatti, Direttore Dipartimento di Ingegneria dell’Energia Elettrica e dell’Informazione di Unibo. La sessione pomeridiana si è aperta con un panel svolto in contemporanea a Bologna (Utilizzo dell’Intelligenza Artificiale nello sviluppo dei software per la Pubblica Amministrazione, con interventi di Davide Gheller, Mauro Pellicioli, Bianca Frigerio, Gianluca Ortolani, Giovacchino Tesi e Daniele Tomasi), Bolzano (Esempi illustrativi di AI in e per l’Alto Adige), Schio (L’utilizzo dell’IA nella Pubblica Amministrazione – Governance e casi d’uso) e Trento (Le strategie di Intelligenza Artificiale in Trentino”), con la possibilità per i partecipanti da remoto di partecipare alla diretta streaming di una sede diversa. Si è poi tornati in plenaria per l’ultimo tavolo previsto nel pomeriggio, incentrato sul tema “Cittadini più sicuri?” con l’intervento per Bologna di Maurizio Gabbrielli Direttore Dipartimento di Informatica Scienza e Ingegneria di Unibo. L’evento si è concluso con la tavola rotonda a cui hanno preso parte i vertici delle quattro società in house. La giornata ha visto la presenza “fisica” di quasi 300 partecipanti presso le quattro location allestite, e ha raggiunto più di 2 mila contatti sui canali streaming messi a disposizione. Le registrazioni integrali dei panel dell’evento sono disponibili nel sito del Cerchio Ict.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 3