Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

WEB

Internet, Giacomelli: “Europa può avere un ruolo solo se unita”

Il sottosegretario alle Comunicazioni: “L’Unione vive una dimensione di debolezza, e i confini nazionali hanno uno scarso valore. Per interloquire con i grandi attori internazionali è necessario essere compatti”

18 Giu 2015

A.S.

“L’ Europa vive una dimensione di debolezza. Ci sono 30 Paesi ognuno dei quali è convinto di poter essere protagonista da solo sul mercato internazionale, invece tutti insieme raggiungerebbero una dimensione appena sufficiente a interloquire con i grandi attori internazionali”. Lo ha detto Antonello Giacomelli, sottosegretario alle Comunicazioni, al convegno “L’industria audiovisiva alla sfida del mercato unico digitale: opportunità e minacce per le imprese creative”.

“Siamo in uno scenario in cui i confini nazionali hanno uno scarso valore – ha continuato Giacomelli, sottolineando poi, riferendosi al caso “Google Tax”, che “garantire parità di condizioni e massima concorrenza è necessario, ma è impossibile realizzarle da soli”.

“Abbiamo creato – ha concluso – un tavolo di confronto tra broadcaster e produttori per affrontare il tema della scarsa penetrazione internazionale delle nostre produzioni. L’Italia ha tutte le capacità di stare tra i primi Paesi. Serve una grande alleanza tra broadcaster e produttori per mettere in campo strumenti nuovi che consentano di competere a livello internazionale”.

Articolo 1 di 2