Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL CENSIMENTO

Istat: 3 imprese su 4 impegnate nella digital transformation

Più propense all’innovazione le realtà con oltre di 500 dipendenti. Tra i fattori chiave del cambiamento il cloud, la fibra e la connettività mobile. Tlc, informatica e finanza i settori al top

07 Feb 2020

A. S.

Il 77,5% delle imprese italiane utilizza tecnologie chiave di digitalizzazione o investe in questo settore. La propensione ad adottare il digitale aumenta man mano che le aziende sono più grandi: se infatti la percentuale scende al 73,2% tra le società che hanno tra i 10 e i 19 dipendenti, sale invece al 97,1% nel caso di quelle con più di 500 dipendenti.

Quanto ai settori che sono più interessati dalla digitalizzazione, a quelli cioè in cui questo processo coinvolge più del 90% del totale delle aziende, in cima alla lista compaiono le telecomunicazioni, le società impegnate con più continuità in attività di ricerca e sviluppo, l’informatica, le attività ausiliare a supporto della finanza, l’editoria e le assicurazioni e l’industria farmaceutica.

A evidenziarlo sono i primi risultati della rilevazione multiscopo legata al nuovo Censimento permanente delle imprese di Istat, integrati con i dati – prevalentemente di fonte amministrativa – presenti nei Registri statistici integrati dell’Istituto.

Dalla rilevazione emerge che sono 11 i fattori chiave della trasformazione tecnologica delle imprese italiane: si parte dalle soluzioni cloud, adottate dal 51,8% del campione, poi la connettività in fibra (41,8%), la connettività mediante 4G o 5G (32,4%), la sicurezza informatica (26%), i software per la gestione aziendale (22,1%), Internet of things (6,1%), la simulazione tra macchine interconnesse (5%), l’automazione avanzata e la robotistica (4,5%), l’analisi dei big data (4,2%), Stampa 3D (3,6%) e tecnologie immersive (1,4%).

Digital360 awards
Presenta il tuo progetto digitale ad una platea di CIO delle più importanti aziende
Digital Transformation
Open Innovation

Quanto infine alle piattaforme digitali, le imprese che le utilizzano per vendere beni o servizi sono il 9,7% del totale. Per il 39,7% si tratta di servizi di intermediazione commerciale multisettore, per il 27,9% di locazione immobiliare a breve termine e servizi turistici, e per il 12% di consegne di pasti a domicilio e i servizi alla ristorazione.

Il Censimento permanente delle imprese ha interessato un campione di circa 280 mila imprese con 3 e più addetti, spiega Istat in un comunicato, rappresentative di un universo di poco più di un milione di unità, corrispondenti al 24,0% delle imprese italiane, che producono però l’84,4% del valore aggiunto nazionale, impiegano il 76,7% degli addetti (12,7 milioni) e il 91,3% dei dipendenti, costituendo quindi un segmento fondamentale del nostro sistema produttivo. La rilevazione diretta è stata realizzata tra maggio e ottobre del 2019, l’anno di riferimento dei dati acquisiti dalle imprese è il 2018.

I due terzi delle imprese (821 mila, pari al 79,5% del totale) sono microimprese (con 3-9 addetti in organico), 187 mila (pari al 18,2%) sono di piccole dimensioni (10-49 addetti), mentre le medie (con 50-249 addetti) e le grandi imprese (con 250 addetti e oltre) rappresentano il 2,3% delle imprese osservate (24 mila unità), di cui 3 mila grandi. Più della metà delle imprese è attiva al Nord (il 29,2% nel Nord-ovest e il 23,4% nel Nord-est), il 21,4% al Centro e il 26,0% nel Mezzogiorno.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5