Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

.it, i fondi dei domini per informatizzare scuole abruzzesi

20 Apr 2009

Il Registro del ccTLD .it – l’organismo dell’Istituto di
Informatica e Telematica del Cnr di Pisa responsabile
dell’assegnazione dei domini Internet a targa .it – e tutte le
associazioni di categoria dei maintainer italiani (AHR, AIIP,
AssoProvider e AssoTLD) promuovono un’iniziativa di solidarietà
a favore delle popolazioni colpite dal terremoto nella provincia
dell’Aquila.

I proventi che i maintainer verseranno al Registro per il rinnovo
annuale di tutti i domini .it assegnati a soggetti residenti nei
comuni abruzzesi interessati dal sisma (4,50 euro per ciascun nome
a dominio), assieme a un contributo di eguale importo erogato dal
Registro stesso, verranno accantonati per allestire aule
informatiche in alcune scuole colpite dal terremoto. Tempi e
modalità di intervento saranno concordati una volta superata la
fase dell’emergenza.

Gli assegnatari di domini Internet .it residenti nelle zone colpite
sono oltre 6mila tra persone fisiche, società, enti pubblici, enti
no-profit, associazioni e professionisti. Ciascun soggetto può
aver registrato più di un nome a dominio. I mantainer associati in
AHR, AIIP, AssoProvider e AssoTLD si impegnano ad evitare il
rischio che, per difficoltà operative, l’assegnatario di
qualcuno di questi domini possa perderne i relativi diritti.

L’iniziativa è stata promossa congiuntamente dal responsabile
del Registro del ccTLD .it, dottor Domenico Laforenza, e dai
presidenti delle quattro associazioni di maintainer (AHR, AIIP,
AssoProvider e AssoTLD) che, sommate, rappresentano la quasi
totalità degli operatori del settore.

Nei giorni scorsi, il Registro del ccTLD .it ha contattato
direttamente anche i quattro maintainer che hanno sede nelle zone
colpite: sempre con il sostegno delle associazioni di categoria, la
struttura sta cercando di individuare alcune iniziative di supporto
che consentano agli operatori di riprendere le attività nella
maniera più rapida e indolore possibile.

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link