Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

IT su misura di utenti. Patto Adobe-Deloitte

Applicazioni ad hoc per migliorare la customer experience: “Così semplifichiamo i processi aziendali”

18 Gen 2011

Migliorare la customer experience. E' il fulcro dell'intesa
tra Adobe Systems Incorporated e il Consulting di Deloitte
finalizzata alla creazione e distribuzione di una nuova generazione
di applicazioni che estendono la potenza, la portata e l’impatto
dei sistemi enterprise assicurandone una migliore esperienza
d’uso da parte dei clienti.

“Stiamo trasformando il modo in cui gli utenti interagiscono con
le applicazioni enterprise affinché le aziende e i loro clienti
possano beneficiare integralmente del valore da esse offerto –
spiega  ha affermato Gianluca Pogliani, Director di Deloitte
Consulting e responsabile dell’alleanza con Adobe in Italia –
Grazie all’alleanza con Adobe entriamo a pieno titolo
all’interno di un mercato, quello delle Rich Internet
Application, dove usabilità e ergonomia rappresentano l’elemento
portante di una strategia orientata alla semplificazione e
ottimizzazione dei processi aziendali”.

Contando sulle soluzioni di Adobe orientate alla Customer
Experience, Deloitte può distribuire applicazioni che consentono
al personale direttamente a contatto con la clientela di migliorare
le proprie performance e che aiutano i clienti finali ad utilizzare
più efficacemente i servizi in qualsiasi luogo e momento.

"Le aziende e le istituzioni più lungimiranti sanno bene che
un’esperienza d’uso coinvolgente spinge l’adozione della
tecnologia e rafforza il differenziale competitivo e la fedeltà al
brand – rimarca Marco Argenti, Emea Alliance Manager di Adobe –
Siamo entusiasti della relazione avviata con Deloitte che
certamente darà un notevole impulso, anche in Italia, al mercato
del Customer Experience Management e consentirà al tempo stesso di
valorizzare gli investimenti IT esistenti”.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link