Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL PIANO INDUSTRIALE

Italiaonline, 95% dei ricavi da servizi digitali nel 2022

Il cda dà il via alla “trasformazione”. Confermata la guidance per il 2019: business in leggera flessione

10 Lug 2019

Mila Fiordalisi

Direttore

Trasformare l’azienda in un service provider di servizi digitali a valore aggiunto: questo l’obiettivo del piano industriale 2022 di Italiaonline approvato dal cda , sotto la guida del nuovo ceo Roberto Giacchi.

I servizi digitali dovranno rappresentare circa il 95% dei ricavi totali a fine 2022 e il piano prevede che i ricavi digitali crescano in un range medio annuo fra il 4,5 e il 5,5% per compensare il calo del business tradizionale. I ricavi consolidati al 2022 sono previsti sostanzialmente stabili rispetto al dato 2018 mentre l’ebitda normalizzato è previsto in crescita nel periodo di piano rispetto al dato 2018 normalizzato (17,3%), con un ebitda margin normalizzato al 2022 compreso fra il 17% e il 20%.

L’incidenza degli investimenti industriali sui ricavi nel periodo di piano è prevista fra il 6,5% e l’8%. Con riferimento infine alla generazione di cassa si prevede per il periodo 2020-2022 una cash conversion dell’ebitda compresa fra il 60% e il 65%. Per il 2019 l’azienda conferma la guidance annunciata a marzo che comprende una stima di ricavi in leggera flessione rispetto al 2018, un ebitda normalizzato “sostanzialmente stabile” e un’incidenza degli investimenti sul fatturato compresa fra il 7% e l’8%.

Nei giorni scorsi l’azienda ha annunciato di un’Opa da parte di Libero Acquisition S.à r.l. e Sunrise Investments S.p.A., società del gruppo Sawiris. Nella notte tra sabato 29 giugno 2019 e domenica 30 giugno 2019, le due aziende hanno comunicato la loro intenzione di promuovere un’Opa volontaria sulla totalità delle azioni ordinarie di Italiaonline. L’operazione è volta a semplificare la struttura proprietaria dell’Emittente, revocare le Azioni Ordinarie dalla quotazione sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana (delisting) e ottimizzare la struttura patrimoniale di Italiaonline.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

R
roberto giacchi

Aziende

I
Italiaonline

Approfondimenti

D
Digital transformation
I
iol
I
italiaonline

Articolo 1 di 5