Jack Ma non è più l'uomo più ricco della Cina, il patron di Tencent gli scippa il primato - CorCom

LA CLASSIFICA

Jack Ma non è più l’uomo più ricco della Cina, il patron di Tencent gli scippa il primato

Il fondatore di Alibaba è stato scavalcato da Pony Ma che vanta un patrimonio di 50 miliardi di dollari. In terza posizione Colin Huang (Pdd)

25 Giu 2020

Antonio Dini

Il fondatore di Tencent, Pony Ma, toglie il primato di uomo più ricco della Cina a Jack Ma, fondatore di Alibaba. Con l’aumento del valore in Borsa di Tencent e di Pinduoduo (Pdd), che questa settimana hanno visto le proprie azioni crescere molto rapidamente, è infatti cambiata la geografia dei multimiliardari cinesi.

Secondo il Bloomberg Billionaires Index, infatti, i rally di Tencent e Pdd hanno fatto saltare la prima e la terza posizione della classifica dei Paperon de’ Paperoni asiatici. Tencent, la più grande sviluppatrice di videogiochi della Cina, ha superato Alibaba come azienda con la maggior capitalizzazione di mercato in Asia. E di conseguenza le fortune personali dei due fondatori sono cambiate: Pony Ma, fondatore di Tencent, è diventato l’uomo più ricco della Cina con un patrimonio personale stimato in circa 50 miliardi di dollari. Passa così alla seconda posizione Jack Ma, che vale “solo” 48 miliardi. Ma non è finita qui.

Infatti, anche Pdd, azienda con un modello di business simile a quello di Groupon, è praticamente raddoppiata per valore di mercato nei primi sei mesi dell’anno. Di conseguenza il suo numero uno, Colin Huang, ha visto rapidamente moltiplicarsi il suo patrimonio personale che adesso vale all’incirca 43 miliardi di dollari. L’improvviso aumento della sua fortuna privata gli ha consentito di scavalcare nella classifica dei miliardari Hui Ka Yan, l’immobiliarista fondatore di China Evergrande Group che viene retrocesso così alla posizione di quarto più ricco cinese. In quinta posizione, un altro miliardario dell’economia digitale cinese: Ding Lei, fondatore di NetEase, società concorrente di Tencent.

Si tratta delle conseguenze del coronavirus, che anche in Cina hanno fatto progredire la digitalizzazione dei posti di lavoro e hanno di conseguenza cambiato anche le abitudini dei consumatori, aumentando il valore di mercato di molte società Internet. Così, ora i magnati della tecnologia dominano i ranghi dei miliardari in Cina.

WHITEPAPER
Vita da CEO: quali sono gli strumenti necessari ai manager per vincere le sfide professionali
CIO
Digital Transformation

Pony Ma, 48 anni, numero uno di Tencent, è una figura particolare. L’uomo, che possiede il 7% circa dell’azienda, ha venduto 14,6 milioni di azioni Tencent nel corso del 2020, per un totale di 757 milioni di dollari. Pony Ma, solo omonimo di Jack Ma, è nato nella provincia del Guangdong, nel sudest del Paese. Ha studiato informatica a Shenzhen e prima di fondare la sua azienda faceva lo sviluppatore software per i servizi delle aziende di telecomunicazioni. Quando ha fondato Tencent il core business dell’azienda era la messaggeria istantanea.

In realtà non è la prima volta che Ma è al vertice della classifica dei ricconi cinesi: nel 2013 aveva infatti superato l’immobiliarista Wang Jianlin diventando il secondo uomo più ricco della Cina, e poi nel 2014 aveva superato anche Robin Li, fondatore di Baidu, guadagnando la prima posizione. Un primato durato pochi mesi, però, dato che la quotazione alla Borsa Usa di Alibaba aveva proiettato Jack Ma al vertice prima della fine dell’anno.

Nonostante il numero uno di Tencent sia in cima alla classifica e quello di Pdd sia in terza, questo non riflette il tasso di crescita delle due aziende. Nel 2020 le azioni di Tencent sono infatti cresciute del 31% mentre quelle di Pdd del 121%.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

J
jack ma
P
pony ma

Aziende

A
Alibaba
T
tencent

Articolo 1 di 4