Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

IL REPORT

Joe Tucci (Emc): “Impegno forte sulla sostenibilità”

Nel report Sostenibilità 2011 la fotografia delle iniziative e dei risultati raggiunti in materia di rispetto dell’ambiente. Nella “mission” coinvolti anche clienti e fornitori

12 Lug 2012

Giampiero Rossi

Emc spinge sulla sostenibilità. La società ha reso disponibile il suo Report di Sostenibilità 2011 il cui tema principale è “Transformation with Purpose” dove dettaglia le sue strategie nonchè i risultati già ottenuti.

Per sostenere gli ecosistemi, ad esempio, Emc ottimizza le operazioni, collabora con i fornitori e fa leva sulle capacità di trasformazione offerte dai dipendenti e dalla tecnologia della stessa azienda per indirizzare l’impatto che il business e la catena di valore hanno, sia sull’ambiente sia sulle persone.

Utilizzando il framework G3 della Global Reporting Initiative (GRI), il report sottolinea l’impegno continuo sulla sostenibilità che si sviluppa su molteplici direttoci: l’impegno diretto con gli stakeholder esterni per valutare problematiche di sostenibilità; l’integrazione di dashboard per meglio rappresentare le performance anno su anno; un’analisi approfondita delle emissioni di gas serra da parte di Emc e la definizione di un processo per fronteggiarli; la condivisione di risultati dalle valutazioni ambientali del ciclo di vita del prodotto; il resoconto delle priorità di Emc nei confronti delle policy pubbliche.

“I clienti Emc sono alla ricerca di modalità più intelligenti per gestire i propri dati in tutta sicurezza, riducendo sia i consumi energetici sia l’utilizzo di materiali di imballaggio da smaltire – commenta Joe Tucci, Chairman e ceo di Emc – Il Report di sostenibilità 2011 evidenzia in che modo l’azienda collabora con clienti e fornitori per migliorare la sostenibilità e l’efficienza energetica delle nostre operazioni, dei nostri prodotti e del packaging, ed in che modo l’analisi dei Big Data può consentire di migliorare la salute e la qualità di vita in tutto il mondo. I risultati ottenuti in questi ambiti danno al nostro business lo slancio necessario per puntare ad una sostenibilità ancora maggiore nei prossimi anni”

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link