FINTECH

JpMorgan mette gli occhi su Yapily, la startup fondata da Vaccino

Secondo indiscrezioni di stampa l’azienda attiva nell’open banking sarebbe pronta per un nuovo round e il colosso finanziario starebbe valutando di entrare in quota nell’ambito dell’operazione finApi

09 Set 2022

Lorenzo Forlani

digitale-fintech-internet

JPMorgan Chase & co starebbe meditando l’acquisizione di una quota in Yapily, startup del settore fintech fondata dall’ex Goldman Sachs Stefano Vaccino, che è alla ricerca di un nuovo round finanziamenti. Lo riferiscono alcune fonti a Bloomberg. La banca americana si troverebbe già nella fase di discussione dell’investimento con rappresentanti della startup basata a Londra, che non hanno rilasciato dichiarazioni in merito.

Una iniezione di capitali che per Yapily è funzionale all’acquisto di finApi, il provider tedesco di soluzioni banking, direttamente dall’holding Schufa Ag, l’equivalente teutonico della Fico credit score americana, l’agenzia di credit information. Una acquisizione che getta le premesse per rendere la stessa Yapily la piattaforma leader dei pagamenti bancari aperti in Europa.

Dove opera Yapily

Yapily è stata fondata nel 2017 ed ha creato una interfaccia per programmare applicazioni di open banking, uno strumento che fornisce l’infrastruttura agli sviluppatori di software per mettere in piedi servizi di pagamento e condividere informazioni tra diverse istituzioni finanziarie. Lavora con istituzioni e aziende del settore accounting, crypto, digital banking e gestione patrimoniale, con una presenza nel Regno unito, in Lituania e Germania, come si legge sul sito web. Tra gli investitori italiani non c’è solo Vaccino, fondatore e ceo, ma anche l’ex Unicredit Roberto Nicastro, nei panni di angel investor, e il fondo Ithaca investments di Luigi Berlusconi e Giorgio Valaguzza, Giovanni Daprà (co founder di Moneyfarm), e H14 (il family office di Barbara, Luigi ed Eleonora Berlusconi).

WHITEPAPER
Pagamenti digitali: la sfida si contende sul campo dell’Intelligenza Artificiale
Pagamenti Digitali
Digital Payment

Per quel che riguarda Jp Morgan, questo investimento si porrebbe in continuità con una serie di partecipazioni nel settore fintech da parte della banca, che vuole avvantaggiarsi sui futuri competitors. Solo negli ultimi 18 mesi, Jp Morgan ha comprato una quota in Viva Wallet, azienda greca di digital banking, e della britannica Nutmeg Saving & Investments.

 

 

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4