Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

OTT TV

Juniper Research: Netflix & co, giro d’affari da 32 miliardi di dollari nel 2019

Secondo le stime di Juniper Research i servizi Tv over the top stanno velocemente guadagnando terreno grazie ai prezzi competitivi e alle offerte “su misura”. Raddoppiano anche le entrate della Iptv ripagando gli operatori di rete degli investimenti in triple e quad-play

21 Apr 2015

Patrizia Licata

Il mercato televisivo si trasforma in modo radicale e ancora una volta gli agenti del cambiamento sono gli operatori Over the top. I nuovi dati di Juniper Research mostrano che gli abbonamenti ai fornitori di servizi Tv Over the top, come Netflix e Amazon Prime, genereranno 31,6 miliardi di dollari di entrate nel 2019, contro gli 8 miliardi registrati nel 2014.



Il risultato si deve a una crescita che non conosce soste sui mercati di Europa occidentale e Nord America, ma anche all’emergere di importanti attori Ott sui mercati dell’Estremo Oriente e dell’Asia Pacifico, che stimoleranno un forte incremento della base abbonati di questi servizi nei prossimi quattro anni.

La nuova ricerca di Juniper (“Mobile & Online Tv & Video: Ott, IpTv & Connected Markets 2015-2019″) nota che i servizi Ott stanno registrando una rapida adozione perché una crescente fetta di consumatori vuole vedere i contenuti quando e dove è più comodo. La concorrenza alle emittenti tradizionali si fa più intensa anche perché sempre più servizi vanno over-the-top di alcuni operatori della pay Tv e questo permette a diversi distributori, come Sling Tv, di offrire ai clienti un’alternativa meno costosa e più “su misura” alla cable Tv e spingendo più consumatori verso il temutissimo “cord-cutting”, ovvero l’abbandono completo dei servizi via cavo a favore del video online.

Altro elemento che spingerà la diffusione dei servizi Tv degli Ott sarà l’accelerazione dell’adozione del 4K. I maggiori player, come Netflix e YouTube, hanno già lanciato servizi in altissima definizione ma l’adozione dei contenuti 4K è stata finora lonta. Questo cambierà nei prossimi due anni, secondo Juniper: Netflix ha già aggiunto la sua offerta 4K all’abbonamento col prezzo più alto lo scorso anno, dimostrando di credere che i suoi utenti sono disposti a pagare per contenuti di qualità ancora più alta. Inoltre i fornitori Ott stanno cominciando a guadagnarsi un riconoscimento generalizzato come fornitori all’avanguardia, primi a dare ai loro utenti la possibilità di vedere contenuti nel nuovo formato. La Tv 4K diventerà anche sempre meno costosa, e anche questo ne spingerà l’adozione.

Juniper prevede anche che oltre l’84% degli abbonamenti ai servizi Tv Ott sarà fatto tramite connected Tv nel 2019 e che le entrate della IpTv aumenteranno più del doppio tra 2014 e 2019, ripagando gli operatori di rete dei loro investimenti in servizi triple e quad-play.