Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

L’Esercito italiano si affida a Italtel e Cisco

Due i data center di nuova generazione messi in campo per le sedi di Roma e Padova. Le applicazioni saranno gestite on the cloud. Pileri: “Rendiamo la PA più innovativa”

03 Nov 2011

I data center dell'Esercito italiano sono targati Italtel. La
società guidata da Stefano Pileri ha realizzato, in un
raggruppamento temporaneo d’impresa insieme a Cisco, due
"macchine" di nuova genernazione per i siti di Roma e
Padova.
I due data center, denominati Ncv (nodi di concentrazione e
virtualizzazione), consentiranno all’Esercito di intraprendere un
percorso lungimirante di rinnovamento dell’infrastruttura
tecnologica, che sarà così in grado di sfruttare pienamente i
vantaggi offerti dal cloud computing in termini di rafforzamento e
virtualizzazione delle applicazioni informatiche garantendo nel
contempo le esigenze di affidabilità della rete e di sicurezza dei
dati trattati.

“Siamo orgogliosi di mettere a disposizione dell’Esercito
Italiano le nostre competenze e capacità di system integrator –
commenta Stefano Pileri, ad di Italtel. Da sempre Italtel è
impegnata a sviluppare quegli strumenti tecnologici in ambito Ict
che sono un fattore ormai imprescindibile per rendere competitivo
il sistema Paese, assicurare lo sviluppo economico e la qualità
della vita dei cittadini. Il paradigma del cloud computing – con le
sue componenti di infrastrutture IP, sicurezza e affidabilità
delle reti, gestione e virtualizzazione – è uno dei tasselli
chiave del percorso di innovazione proposto da Italtel a imprese ed
enti della pubblica amministrazione”.

Il consolidamento dei servizi informatici all’interno dei Data
Center Ncv consentirà di semplificare l’infrastruttura
tecnologica in ambito Esercito, grazie alla riduzione dei server
fisici e della complessità degli elementi di rete.

I nuovi data center, così creati, permettono di introdurre il
concetto di “continuità Operativa dei Servizi”, grazie alla
predisposizione di politiche di “Disaster Recovery” e di
“Business Continuity”, tali da garantire l’erogazione del
servizio anche in casi di eventi che mettono a rischio il
funzionamento di una parte dell’infrastruttura.

L’azienda, che vanta una lunga collaborazione con le Forze Armate
e partecipa anche quest’anno alle celebrazioni per la “Giornata
delle Forze Armate”, ha realizzato insieme a Cisco la copertura
Wi-Fi dell’area del Circo Massimo.