VERSO VENEZIA

La Camera di commercio: “L’innovazione è nel Dna della città”

Il pomeriggio del 10 luglio in programma al Telecom Italia future center il focus organizzato per Digital Venice dalla Cciaa. Tre case history e un approfondimento sui “temi caldi”, come lo sportello unico per le attività produttive, il registro imprese e la fatturazione elettronica

03 Lug 2014

Antonello Salerno

“Agenda digitale e programmi per la crescita”. Sarà questo il tema si cui si concentrerà l’evento della “Digital week” di Venezia organizzato dal sistema camerale, attraverso la Camera di Commercio di Venezia, Unioncamere e Infocamere.

Il focus, aperto al pubblico e a partecipazione gratuita, si terrà giovedì 10 luglio presso il Telecom Italia Future Center a San Salvador.

“Digital Venice è un evento importante per Venezia perché la città da un lato ha bisogno di positività, viste anche le ultime vicende, ma è anche importante più in generale per dare un’idea che Venezia non è soltanto storia, ma è anche innovazione – afferma Roberto Crosta, segretario generale della Camera di Commercio di Venezia – La scommessa è di proiettare la città nel futuro, una scommessa che è nel dna di questi luoghi. Abbiamo un tessuto produttivo di piccole e medie imprese molto propense all’internazionalizzazione e all’innovazione, e le nuove tecnologie sono fondamentali come leva di competitività per il futuro”.

Nella prima sessione prenderanno la parola, oltre a Roberto Crosta, anche Giuseppe Fedalto presidente della Camera di Commercio di Venezia, e Andrea Sammarco, vice segretario generale di Unioncamere e responsabile dell’area Semplificazione, Servizi digitali e Legalità.

A seguire la presentazione di 3 case history per entrare più direttamente nel merito. La prima sarà presentata da Mauro Roglieri, fondatore e amministratore unico di Mr Energy Systems, che parlerà di “Smart objects e smart metering: sostenibilità e digitalizzazione delle performance”. Poi Attilio Brighenti, presidente e rappresentante legale di Sate – Systems and advanced technologies engineering e Attain, che parlerà “della nascita, dell’evoluzione de dello spin-off di una società di ingegneria assieme all’evoluzione delle tecnologie informatiche”. E infine Alessandro De Rossi, Antonio Picerni e Daniele Lando, cofondatori di 42bit, spiegheranno “Come traslocare la propria azienda su una nuvola”. “Due sono le richieste principali delle imprese – spiega Crosta – la prima è la semplificazione amministrativa, rispetto alla quale le tecnologie possono avere un ruolo significativo, e poi l’innovazione, che come camera di Commercio cerchiamo di declinare in tutti i suoi aspetti, da quello amministrativo a quello finanziario, con progetti specifici che rispondano alle esigenze delle aziende.

La parte finale dell’incontro sarà dedicata agli approfondimenti su tre temi specifici: Mario Altavilla (dell’area semplificazione, servizi digitali e legalità di Unioncamere) e Giorgio Porzionato (dirigente della Camera di Commercio di Venezia) parleranno dello sportello pubblico per le attività produttive, “Un approccio collaborativo e digitale tra istituzioni che crea vantaggio per le imprese”.

“Tutto il sistema camerale punta molto sul tema dei digital Data, a partire dal registro delle imprese, che non è una banca dati morta, ma un sistema dinamico che permette lo sviluppo dello sportello unico delle attività produttive – spiega Crosta – oltre che di politiche specifiche per le smart city e la gestione intelligente del territorio. Mi piace ricordare che la Camera di Commercio di Venezia poco più di 10 anni fa è stata la prima a sperimentare la firma digitale, la parte di sperimentazione è nata porprio qui, come a venezia è stata emessa la prima fattura elettronica da parte di un soggetto del sistema camerale”.

A seguire Gabriele Da Rin, che cura le relazioni istituzionali di InfoCamere, si soffermerà sul registro imprese, “azioni e strumenti per la trasparenza e l’efficienza del mercato”. Infine Massimo Savioli, project manager di InfoCamere, poarlerà di “Fatturazione elettronica nella Pa: azioni di supporto al tessuto imprenditoriale”.

A moderare gli Interventi sarà Alessandra Giraldo, che si occupa del coordinamento operativo dell’evento, di cui è anche social media curator.