La Cina "chiude" i dati ai governi stranieri, guanto di sfida agli Usa - CorCom

GUERRA FREDDA DIGITALE

La Cina “chiude” i dati ai governi stranieri, guanto di sfida agli Usa

Dopo il ban di Washington a TikTok, WeChat e Huawei, il governo di Pechino passa alla controffensiva e presenta una serie di regole progettate per impedire a Paesi terzi di acquisire le info archiviate localmente

08 Set 2020

La Cina ha varato una serie di regole progettate per impedire ai governi stranieri di acquisire dati archiviati localmente, un tentativo per contrastare le accuse di Washington secondo cui servizi come TikTok e WeChat condividono informazioni sensibili degli utenti con Pechino. Il ministro degli Esteri Wang Yi ha presentato oggi le proposte che disciplinano la sicurezza dei dati globali dopo aver avviato il piano con un gruppo di 20 controparti la scorsa settimana, perseguendo l’obiettivo di stabilire standard globali per la sfera digitale.

I punti principali del piano

L”iniziativa delinea i principi che dovrebbero essere seguiti in aree che vanno dalle informazioni personali allo spionaggio e arriva mentre gli Stati Uniti continuano a fare pressione sulle più grandi società tecnologiche cinesi e convincono i paesi di tutto il mondo a bloccarle.

Il piano di compone di otto punti chiave, tra cui c’è il divieto di utilizzare la tecnologia per danneggiare l’infrastruttura critica di altri paesi o rubare dati e assicurarsi che i fornitori di servizi non installino backdoor nei loro prodotti e ottengano illegalmente i dati degli utenti. Wang ha precisato che l’iniziativa mira a porre fine alle attività che “violano le informazioni personali” e si oppone all’uso della tecnologia per condurre la sorveglianza di massa contro altri stati. Le aziende dovrebbero anche rispettare le leggi dei paesi ospitanti e smettere di costringere le aziende nazionali a memorizzare i dati generati all’estero nel proprio territorio. Chiunque sottoscriva il patto dovrebbe anche rispettare la sovranità, la giurisdizione e la governance dei dati di altri stati ed evitare di chiedere ad aziende o individui situati in altri paesi di fornire dati senza autorizzazione.

“Non abbiamo chiesto e non chiederemo alle aziende cinesi di trasferire dati all’estero al governo in violazione delle leggi di altri paesi”, ha detto Wang.

Una nuova guerra fredda sui dati

Non è chiaro, sottolinea Cnbc, se qualche paese abbia aderito all’iniziativa della Cina – che, lo ricordiamo, attraverso il sistema noto come Great Firewall blocca servizi come Google e Facebook, mentre gli addetti alla censura indicano regolarmente alle società Internet del paese i contenuti da rimuovere – e come verrà attuata e controllata. Ma la seconda economia mondiale ha cercato di aumentare il proprio ruolo nella definizione di standard in tutto il mondo, dai dati alle telecomunicazioni, puntando il dito contro il suo principale competitor.

WHITEPAPER
Gestione dei contratti e GDPR: guida all’esternalizzazione di attività dei dati personali
Legal

Wang ha chiaramente alluso agli Stati Uniti nel discorso con cui ha annunciato il progetto. “Facendo leva su atti unilaterali, un certo paese continua a fare accuse infondate contro altri in nome di una rete” pulita “e ha utilizzato la sicurezza come pretesto per depredare imprese di altri paesi che hanno un vantaggio competitivo”, ha detto. “Tali palesi atti di bullismo devono essere contrastati e respinti“.

Il mese scorso, gli Stati Uniti hanno per l’appunto presentato la loro iniziativa “Clean Network”, un programma volto a “salvaguardare le risorse della nazione, tra cui la privacy dei cittadini e le informazioni più sensibili delle aziende da intrusioni aggressive” da parte di cosiddetti attori malintenzionati, come il Partito Comunista Cinese. Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti afferma che avrebbero preso parte al programma più di 30 paesi e anche alcune società, ma non ne ha fatto menzione.

Nel frattempo, Washington ha aumentato la pressione sulle aziende tecnologiche cinesi. Ad agosto, gli Stati Uniti hanno modificato una regola che cercava di tagliare efficacemente Huawei dalle forniture di semiconduttori chiave. E nello stesso mese, il presidente Donald Trump ha firmato un ordine esecutivo che vieta le transazioni con il proprietario di TikTok ByteDance e il proprietario di WeChat Tencent.

Ma anche altri paesi hanno bloccato le aziende tecnologiche cinesi: Huawei non ricoprirà alcun ruolo nelle reti 5G in Australia e nel Regno Unito, mentre l’India ha vietato 118 app cinesi a causa delle crescenti tensioni legate a una controversia sul confine montuoso dell’Himalaya nella regione del Ladakh.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 2