SPONSORED STORY

La digital economy? Questione di inclusion. Le competenze chiave di volta

Dotare le persone di skill adeguate è fondamentale per abbattere i gap e far progredire l’economia. Huawei punta su investimenti a lungo termine e partnership per la creazione di un ecosistema che permetta all’Europa di recuperare “ricchezza” e poter competere con Usa e Cina

27 Lug 2020

Frank Shen

Vice President Pacd Western Europe Huawei Technologies

I progressi digitali hanno generato un enorme patrimonio negli ultimi anni, ma quel patrimonio si è concentrato solamente su un numero ridotto di individui, aziende e Paesi. Gli Stati Uniti e la Cina attualmente costituiscono la maggior parte della ricchezza nell’economia digitale, mentre l‘Europa fatica a recuperare. Nell’ambito delle politiche e dei regolamenti attuali, questa situazione è destinata a permanere, contribuendo ulteriormente all’aumento delle disuguaglianze. Ora è il momento di lavorare insieme per colmare il divario digitale, dove più di metà della popolazione mondiale non ha accesso, oppure solo in misura limitata, a Internet, poiché l’inclusione è essenziale per costruire un’economia digitale in grado di soddisfare tutti.

L’economia digitale richiederà una serie di competenze nuove e diverse e una nuova era di partecipazione digitale. In particolare, c’è bisogno di investire in modo ingente nell’istruzione, radicata non solo nell’apprendimento, ma anche nella possibilità di fornire a tutti un accesso permanente alle opportunità di apprendimento digitale. La connettività alla portata di tutti rimane una grande sfida in molti Paesi del mondo, soprattutto nelle loro aree rurali e remote. Al fine di accelerare l’accesso a servizi Ict adeguati, è necessario impegnarsi per incrementare l’accesso a servizi Internet rapidi, convenienti e affidabili. Le aziende digitali si affidano a personale creativo e competente, come gli sviluppatori di software, i web designer e gli ingegneri informatici, e ciò ha portato alla nascita di una nuova classe di professionisti. Tuttavia, un grande problema per le aziende digitali locali è la capacità di reclutare e trattenere talenti disponibili a livello locale.

Qual è la posizione di Huawei in merito a queste questioni? Innanzitutto, la tecnologia funge da base. Huawei mira a creare un mondo completamente interconnesso e intelligente utilizzando tecnologie innovative per la connettività, il computing, l’intelligenza artificiale, il cloud e i dispositivi mobili. In secondo luogo, riteniamo che le applicazioni siano la chiave per sbloccare l’inclusione. Huawei responsabilizzerà i partner ecosistemici e aiuterà gli sviluppatori a creare applicazioni personalizzate per diversi gruppi, regioni, comunità e industrie. In terzo luogo, le competenze garantiscono la sicurezza. Huawei collaborerà con organizzazioni quali governi locali, università e comunità per migliorare le competenze digitali e sviluppare talenti digitali per il futuro.

Collaborando con partner globali come agenzie delle Nazioni Unite, Ong, istituti di ricerca, governi, vettori e clienti aziendali, promuoveremo l’inclusione digitale concentrandoci su quattro domini ad alto impatto: guidare l’equità e la qualità nell’istruzione, proteggere l’ambiente, consentire l’inclusione e l’equità nella sanità e favorire uno sviluppo bilanciato. Al momento, abbiamo fatto solo un piccolo passo avanti. Ci auguriamo che sempre più persone e organizzazioni partecipino all’iniziativa di inclusione digitale Tech4All per promuovere il raggiungimento degli Sdg delle Nazioni Unite.

In queste iniziative chiave per le parti interessate, nelle alleanze settoriali e in altre piattaforme di sostenibilità a livello regionale e globale, incoraggiamo l’innovazione e la collaborazione per raggiungere gli obiettivi di sostenibilità. Per affrontare il cyberbullismo e la protezione della privacy, Huawei ha collaborato con enti a tutela della diritti dei bambini e organizzazioni di formazione sulla sicurezza informatica in Europa per lanciare il progetto SmartBus. SmartBus è una classe digitale mobile dotata di Wi-Fi che offre un ambiente di apprendimento coinvolgente, interattivo e divertente a bambini di età compresa tra gli 11 e i 15 anni. Attualmente l’iniziativa è attiva in Belgio, Spagna, Portogallo e Paesi Bassi. Ad oggi, 126 scuole in 79 città e oltre 20.000 studenti, 5000 genitori e insegnanti hanno partecipato all’apprendimento interattivo con SmartBus.

Trovare professionisti Ict qualificati rimane una sfida essenziale da superare anche per i principali operatori del settore. Huawei ha lanciato l’Ict Academy per una formazione sulle tecnologie Ict agli studenti universitari di tutto il mondo, incoraggiandoli a partecipare ai nostri programmi di certificazione. Avendo formato solo oltre 45.000 studenti nel 2019, l’Academy mira a sviluppare talenti Ict a livello locale per soddisfare la domanda futura e costruire un ecosistema sostenibile di talenti. Attualmente collaboriamo con 938 università in 72 Paesi e regioni per fornire servizi come la redazione di libri di testo, la formazione degli insegnanti, la costruzione di laboratori e la certificazione degli studenti

20 anni fa, Huawei ha fondato la sua prima presenza in Europa. Questo è stato il primo passo di molti che hanno visto emergere una collaborazione forte e duratura. Partendo dalla nostra storia, dai nostri valori e dai nostri interessi comuni, possiamo portare avanti questa partnership per sviluppare la leadership digitale sovrana per l’Europa e per offrire un futuro migliore a tutti.

Partendo dalla sostenibilità aziendale, realizzeremo investimenti a lungo termine senza scopo di lucro che assicureranno la sostenibilità dell’inclusione digitale. Impegnandoci ad aprire la collaborazione, continueremo a collaborare con i nostri partner globali al fine costruire gli ecosistemi del settore che prosperano nel successo condiviso. Insieme, siamo in grado di promuovere uno sviluppo inclusivo e sostenibile. Nell’ambito di questi sforzi, riteniamo che dotare le persone delle competenze di cui hanno bisogno sia la chiave per la sostenibilità e per far progredire l’economia digitale, per questo stiamo lavorando con i nostri partner in modo da sviluppare un ecosistema digitale di talenti più solido e da colmare il divario digitale.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

H
Huawei

Approfondimenti

C
competenze digitali
I
inclusione digitale

Articolo 1 di 5