Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

MOBILITA'

La digital transformation sbarca sulle strade italiane, Delrio avvia la sperimentazione

Smart road, firmato il decreto ministeriale previsto in Finanziaria che autorizza i test su strada di veicoli a guida automatica. La rete infrastrutturale sarà adeguata progressivamente alle nuove tecnologie in grado di far dialogare i veicoli connessi e di garantire snellimenti del traffico e riduzione degli incidenti. Ecco gli step tappe del processo e i soggetti ammessi a sperimentare

02 Mar 2018

Strade e autostrade italiane smart, parte la sperimentazione di veicoli a guida automatica. E’ il frutto della firma del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio al Decreto ministeriale previsto per l’attuazione della norma della Legge di Bilancio 2018. La norma autorizza i test di soluzioni tecnologiche per adeguare la rete infrastrutturale italiana ai nuovi servizi.

Obiettivo, realizzare un miglioramento della rete stradale nazionale attraverso una sua graduale trasformazione digitale. Si punta a consentire alle infrastrutture stradali di “dialogare” con i veicoli connessi rendendo così possibile l’utilizzo dei più avanzati livelli di assistenza automatica alla guida, lo snellimento del traffico, la riduzione di incidenti.

In particolare nel decreto vengono individuati i soggetti che possono chiedere l’autorizzazione al test: costruttori del veicolo equipaggiato con le tecnologie di guida automatica, istituti universitari e enti pubblici e privati di ricerca. Definita anche l’istruttoria da compiere, le modalità con cui l’autorizzazione viene rilasciata ed i controlli cui è soggetta l’attività di sperimentazione.

Per quanto riguarda le smart road, sono previsti gli interventi necessari per la comunicazione dei dati ad elevato bit-rate (come la fibra), la copertura di tutta l’infrastruttura stradale con servizi di connessione di routing verso la rete di comunicazione dati, la presenza di un sistema di hot-spot Wifi per la connettività dei terminali dei cittadini, dislocati almeno in tutte le aree di servizio e di parcheggio, un sistema per rilevare il traffico e le condizioni meteo e fornire previsioni a medio-breve termine e una stima/previsione per i periodi di tempo successivi.

Sulla base dei dati raccolti il sistema di hot-spot offrirà contenuti per servizi avanzati di informazione sul viaggio agli utenti, permettendo eventuali azioni di re-routing.

In una seconda fase (entro il 2030) saranno attivati ulteriori servizi di deviazione dei flussi, in caso di incidenti/ostruzioni gravi; di intervento sulle velocità medie, per evitare o risolvere congestioni; di suggerimento di traiettorie e corsie; di gestione dinamica degli accessi, nonché di gestione dei parcheggi e del rifornimento (con particolare riferimento alla ricarica elettrica). Progressivamente, i servizi saranno estesi a tutta la rete del sistema nazionale integrato dei trasporti, così come è stata ridisegnata dall’allegato al Def 2017 “Connettere l’Italia”.

Tutti gli interventi saranno immediatamente previsti e realizzati, poi, nel caso di infrastrutture di nuova realizzazione, o di infrastrutture esistenti che siano oggetto di potenziamento o di interventi di innovazione tecnologica, costruttiva o funzionale. I costi degli interventi – precisa il Mit – saranno a carico del concessionario o del gestore dell’infrastruttura.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

M
mobilità connessa
S
Smart Road

Articolo 1 di 5