Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA RICERCA

La grande fuga da Explorer, Google conquista il mercato dei browser

I dati Net Application: il “nuovo” Edge non compensa la disaffezione al sistema di Microsoft. Insieme perdono il 18% di share negli ultimi dieci mesi, a favore di Chrome che ora detiene più del 50% del settore, sia da Pc che da mobile

07 Nov 2016

A.S.

Google spicca un deciso salto in avanti nel mercato dei browser grazie alla brillante prestazione registrata da Chrome negli ultimi 10 mesi, con un +20%, mentre per Microsoft prosegue l’emorragia di utenti nonostante il lancio di Edge. Il nuovo browser insieme al “vecchio” Explorer della casa di Redmond, infatti, hanno registrato da gennaio a ottobre un -18%, con la perdita di circa 331 milioni di utenti (secondo l’elaborazione di Computerworld). E’ quanto risulta dalle rilevazioni di Net Application, secondo cui Google Chrome è ormai utilizzato da più della metà degli utenti desktop, e si attesta al 55% del mercato dei Pc, contro il 35% che aveva a inizio 2016.

A perdere il maggior numero di utenti è stato secondo le rilevazioni di Net Application il browser Explorer di Microsoft, che da gennaio a ottobre è passato dal 43,8% al 23,1%, mentre Edge, lanciato lo scorso anno insieme al nuovo sistema operativo Windows 10, è cresciuto guadagnando poco più del 2%, dal 3,1 al 5,3%. Insieme i due browser di Microsoft sono passati dal 46,9 al 28,4% di market share, con un calo secondo l’analisi di Computerworld da 797 milioni a 466 milioni di utenti.

Rimane stabile Firefox, che cala di poco passando dall’11,4 di gennaio all’11,1% di ottobre dopo cinque mesi consecutivi, da maggio a settembre, sotto il 10%. Safari, il browser di Apple, scende lievemente dal 4,6% di inizio anno al 3,7% e si fa superare da
Edge. Safari perde terreno anche su smartphone e tablet, dove comunque mantiene il secondo posto alle spalle di Chrome.

Nei primi dieci mesi del 2016 il browser di Google cresce dal 41,6 al 54,2% nel ‘mobile’, mentre il rivale targato Apple passa dal 34,1 al 26,6%. Seguono il browser di Android (da 11,1 a 9,1%), Opera Mini (dal 7,3 al 6%) e Internet Explorer (dal 2,5 all’1,5%).

Articolo 1 di 3