Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

La “nuvola” conquista Fujitsu. Via al server per i servizi cloud

Il nuovo Cx1000 ottimizza i data center e abilita applicativi in modalità as a service

17 Mar 2010

Punta sul cloud anche Fujitsu Technology Solutions che ha
annunciato oggi un server mirato al supporto dei servizi “in the
cloud”: il Cx1000, l’ultimo nato della famiglia Primergy.
“Non si tratta di un server vero e proprio – ha spiegato Mario
Guarnone, Business Program Manager – ma di una piattaforma
pensata e sviluppata per l’ottimizzazione dei data center e per
abilitare servizi infrastrutturali e anche applicativi in modalità
as a service. Riunisce 38 nodi server in un singolo rack,
garantendo la massima capacità di calcolo per metro quadrato del
Dc e una estrema riduzione dei costi: -20% consumo elettrico, 20%
in termini di Capex e fino al -40% come spazio occupato”.

Gli utenti target di questo sistema sono i service provider che
programmano di erogare servizi in modalità cloud; grandi imprese
che intendono offrire servizi IaaS (infrastructure as a service) al
loro interno e organizzazioni che gestiscono cluster di computer
per simulazioni, modellazione e scopi scientifici.

Il numero di server in grado di abilitare servizi in the cloud è
in aumento. Secondo Gartner quest’anno si venderanno nel mondo
7,3 milioni di server, di cui il 21,4% ready per il cloud.
L’incidenza era del 15% nel 2008 e salirà al 27% nel 2012, in
presenza di un mercato che nel frattempo aumenterà a più di 8,2
milioni di sistemi.

Le novità del Cx1000 sono parecchie. Guarnone ha richiamato
l’attenzione sulla innovativa architettura Cool-Central, in grado
di risparmiare spazio eliminando la necessità di mantenere
corridoi caldi all'interno del data center, arrivando come
detto risparmiare fino al 40% di spazio.

In Italia il primo cliente di questo sistema è Engineering, che si
appresta installare un Cx1000 nel proprio data center di Pont St
Martin in Val d’Aosta, consolidando un rapporto di collaborazione
tra le due società che dura da anni.

“La partnership con Engineering rafforza le relazioni storiche
con Fujitsu e consente di ottimizzare le sinergie industriali ed
operative sul mercato italiano che vede affermarsi un polo
tecnologico dedito all’innovazione sul cloud computing”
dichiara Donato Ceccomancini, responsabile Business Practices Data
Center di Fujitsu Technology Solutions”. Il data center di
Engineering gestisce un portafoglio di oltre 130 clienti, molti dei
quali vi accedono per applicazioni pay per use in ambito
applicativo Sap.

L’annuncio è parte della nuova strategia di riposizionamento di
Fujitsu dai prodotti verso i servizi. A livello di gruppo i servizi
generano già la metà dei ricavi. In Italia c’è ancora
parecchio da fare per cogliere questo obiettivo. Telecom Italia è
tra le società potenzialmente candidate ad acquistare il nuovo
Primergy, assieme ad alcune grandi banche.