Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

STRATEGIE

La scommessa di Generali: big data analytic per profilare il cliente

Presentato il piano industriale: via alla promozione di prodotti per i rischi emergenti, soprattutto sul fronte cyber. Nel comparto Vita avanti tutta sulle app

23 Nov 2016

F.Me

I big data analytics la fanno da padrone nel nuovo piano industriale di Generali. Niente ristrutturazione del personale, come annunciato dal ceo Philippe Donnet, e spinta alla digitalizzazione.

Nel ramo danni, la compagnia scommette sulla “razionalizzazione della macchina operativa”. In questo senso le iniziative di riduzione dei costi saranno volte a massimizzare l’efficienza e l’efficacia, riducendo duplicazioni ed eliminando sovrapposizioni in termini di prodotti, strutture, sistemi e processi a beneficio di una gestione più agile e veloce. Sul fronte tecnico, nei danni nell’auto verrà rafforzata la sofisticazione delle tariffe grazie anche all’uso di data analytics e della profilazione telematica. Nel Non Auto verranno promosse offerte innovative per spingere la crescita del segmento (premi diretti lordi tra il 2% e il 4% al 2018), tra cui prodotti connessi, prodotti modulari, prodotti per i rischi emergenti, soprattutto cyber risk. Nella gestione sinistri si punta tra l’altro a una migliore identificazione delle frodi. Nel ramo Vita il gruppo perseguirà la crescita della quota di nuova produzione con prodotti a basso assorbimento di capitale (+8 p.p. nei tre principali mercati, ovvero Italia, Germania, Francia).

WHITEPAPER
Data Strategy: quali sono le 3 fasi principali del processo di relazione con il cliente?
Big Data
Marketing


Nel Vita, inoltre, verrà perseguita un’ottimizzazione delle passività che anche grazie alla nuova produzione maggiormente orientata su prodotti Unit Linked e Protection punta a ottenere una riduzione di 30 bps della garanzia nel portafoglio Vita a un valore medio pari a 1,5% al 2018 e un aumento di 6 punti percentuali delle riserve capital-light. Dall’insieme delle iniziative volte a fidelizzare i clienti il gruppo Generali, inoltre, si attende in tre anni un aumento della retention di 2 punti percentuali. Il gruppo si focalizzerà in una maggior chiarezza nella comunicazione con la polizza riassunta in un’unica pagina, nella velocità di risoluzione attraverso anche aggiornamenti automatici con sms e App e nella semplificazione e digitalizzazione nella gestione delle pratiche.