Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

La spesa IT cinese trainata dagli incentivi del governo

Secondo Gartner a beneficiare degli oltre 580 mld di dollari varati da Pechino saranno le Tlc. Quest’anno investimenti per 4,5 mld

29 Gen 2010

I pacchetti di incentivi economici varati dal governo centrale
cinese quando la crisi mondiale ha colpito le esportazioni del
Paese asiatico continueranno a incoraggiare l’acquisto e il
consumo di prodotti e servizi It in Cina. A dirlo uno studio di
Gartner seondo cui gli incentivi decisi da Pechino porteranno la
spesa IT in Cina a 38,9 miliardi di dollari di qui al 2013,
offrendo grandi opportunità alle aziende del settore.

“Il governo cinese cerca di contrastare il declino delle
esportazioni incoraggiando la domanda interna e sembra che ci stia
riuscendo”, nota Oliver Xu, principal research analyst della
Gartner. "Prevediamo che la spesa IT, alimentata dagli
incentivi, raggiunga il livello più alto proprio
quest’anno”.  
 
I principali pacchetti di incentivi varati dal governo di Pechino
sono: 583,9 miliardi di dollari (4000 miliardi di yuan) per le
infrastrutture e gli enti pubblici; il Ten industries
revitalisation plan, che aiuta particolari segmenti industriali;
vari programmi di sussidi più piccoli e sgravi fiscali per i
consumatori. 
 
Secondo Xu, la spesa IT che sarà maggiormente stimolata dagli
incentivi sarà quella per i servizi e le attrezzature nei
trasporti, nella sanità e nelle costruzioni, tutti settori che
investono in information technology in maniera aggressiva. 
 
Ma gli investimenti IT più cospicui saranno fatti nelle
telecomunicazioni. Gartner pensa che i pacchetti di incentivi
porteranno la spesa It nel settore a 4,5 miliardi di dollari nel
2010 e per il periodo dal 2009 fino a tutto il 2013 la spesa It
nelle telecomunicazioni supererà 14,2 miliardi. L’hardware è il
segmento che investirà di più dopo quello telecom: si arriverà a
4,1 miliardi nel 2010 e per il periodo 2009-2013 a un totale di 13
miliardi – sempre grazie agli incentivi.
 
"Il governo cinese continuerà a seguire la politica di
incentivi messa in atto nel 2009, anche se gli indici di
performance economica per i primi tre trimestri del 2009 segnalano
già una forte ripresa”, nota Xu. "Col piano chiamato Ten
industry revitalisation plan si cerca di protrarre i benefici sul
lungo termiine”.
 
I vendor IT che vogliono beneficiare degli incentivi economici sul
mercato cinese dovrebbero soprattutto rivolgersi agli utenti It nei
segmenti verticali delle costruzioni, dei trasporti e della
sanità, ma anche alle industrie incluse nel Ten industry
revitalisation plan, che prevede l’aggiornamento tecnologico di
questi dieci settori industriali. Le aziende cinesi più
avvantaggiate dagli incentivi sono le compagnie di proprietà
statale.