La Tv si fa social, in 6 milioni commentano i programmi - CorCom

INTEGRAZIONE

La Tv si fa social, in 6 milioni commentano i programmi

Primi dati del Social content ratings di Nielsen: nel mese di agosto 22,5 milioni di interazioni su Facebook e Twitter hanno avuto come topic le trasmissioni in onda sul piccolo schermo

12 Set 2016

A.S.

Sei milioni di autori unici hanno commentato nel mese di agosto le trasmissioni televisive su Facebook e Twitter, per un totale complessivo di 22,5 milioni di interazioni, tra contenuti originali (post e tweet) e attività di engagement (commenti, condivisioni, like, retweet, citazioni, ecc). Sono i primi dati del “Social content ratings” di Nielsen, attiva in Italia proprio da agosto per la misurazione della “Social Tv”, che include le interazioni su Facebook e Twitter per i programmi televisivi delle principali emittenti italiane.

Nella prima Nielsen Social Top5 della stagione (5-11 settembre) ci sono il concerto di Laura Pausini, le prime puntate di Squadra Antimafia e un Medico in Famiglia, la finale di Miss Italia e il concerto dei Modà. Complessivamente, nel corso della settimana, sono state registrate 4,3 milioni di interazioni sui programmi, con picchi superiori a 700.000 autori unici in un giorno.

“Con Social Content Rating – afferma Luca Bordin, general manager media Sales&Solutions di Nielsen – diamo a tutti i player della media industry italiana la possibilità di valutare come la fruizione televisiva venga vissuta dagli utenti sulle diverse piattaforme social e di cogliere di conseguenza le opportunità di engagement offerte dalla continua espansione della Social TV in Italia”.

WHITEPAPER
Omnicanalità e mobile experience non sono la stessa cosa. Scopri le strategie di mobile marketing
Marketing
Mobility

A trionfare, come prevedibile, per l’intero mese di agosto, sono state le Olimpiadi di Rio. Il 7 agosto è risultato il giorno con il volume più alto di attività sulle due piattaforme, con 900.000 autori unici che hanno effettuato 1,6 milioni di interazioni, grazie ai primi ori conquistati dagli atleti azzurri.

“In queste prime settimane uno degli elementi più interessanti che abbiamo rilevato – aggiunge Bordin – è stato il profilo demografico degli utenti di Facebook che varia molto considerando i diversi generi e programmi. Per esempio, durante i Giochi Olimpici il 55% degli utenti attivi erano donne e oltre 3 utenti su 4 avevano meno di 44 anni. Un profilo molto diverso rispetto a quanto riscontrato nel caso di altri importanti eventi sportivi andati in onda ad agosto, come la Champion’s League o le prime giornate del campionato di calcio”.

Argomenti trattati

Approfondimenti

L
luca bordin
T
twitter