Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL PREMIO

Laura Oliva è la Woman in Fintech of the Year

La co-fondatrice e amministratrice della startup Ekuota è stata premiata per avere sviluppato una delle migliori applicazioni di intelligenza artificiale del settore

08 Mar 2019

Laura Oliva di Ekuota, startup che si è formata in Speed MI Up, è la Woman in FinTech of the Year. Il premio le è stato consegnato nell’ambito dei Women in Finance 2019 Italy Awards attribuiti da Ambasciata Britannica e Freshfields Bruckhaus Deringer, in collaborazione con Borsa Italiana, per riconoscere il contributo del talento femminile nel mondo della finanza.

“Esperta di tecnologie FinTech, è co-fondatrice e amministratore di una piattaforma che applica tecniche avanzate di analisi statistica per sviluppare meccanismi automatici che selezionano le migliori strategie finanziarie”, si legge nelle motivazioni del premio. “Laura è un esempio di professionista che ha fatto tesoro di esperienze diversificate nel settore della finanza aziendale e della gestione dei rischi per sviluppare una tecnologia innovativa ma allo stesso tempo di semplice utilizzo, riconosciuta come una delle migliori applicazioni di intelligenza artificiale nel FinTech. Da protagonista dell’ecosistema digitale, ha scelto di impegnarsi in iniziative di inclusione e diffusione delle competenze di investimento tra le donne”.

Gli Women in Finance 2019 Italy Awards presentano varie categorie: Cfo of the Year, Asset Manager of the Year, Banker of the Year, Champion of Diversity Employer. Quest’anno, per meglio riflettere un settore in continua evoluzione, il premio si è arricchito di due nuovi premi, Insurer of the Year e Woman in Fintech of the Year, appunto, dove si è affermata Laura Oliva.

A selezionare i profili delle vincitrici una giuria formata da Jill Morris (Ambasciatore britannico in Italia), Magda Bianco (Banca d’Italia), Grazia Bonante (Lener & Partners), Marina Brogi (Università La Sapienza), Luca Capone (Freshfields Bruckhaus Deringer), Roberta D’Apice (Assogestioni), Carmine Di Noia (Consob), Marina Famiglietti (Borsa Italiana), Maria Bianca Farina (Ania), Anna Lambiase (IR Top Consulting), Francesca Palisi(ABI), Alessandra Perrazzelli (A2A), Barbara Stefanelli (Corriere della Sera) e Paola Subacchi (Università di Bologna).

Ekuota è una piattaforma online dedicata alle imprese che hanno scambi con l’estero e acquisti di materie prime che sono quotate nei mercati finanziari. Inserendo i pagamenti e gli incassi aziendali attesi, la piattaforma calcolerà il rischio. Se è un rischio che l’azienda considera troppo alto potrà scegliere come coprirsi con uno strumento finanziario (prezzo a termine o opzioni), verificandone l’efficacia. L’azienda avrà quindi l’opportunità di valutare strategie alternative e monitorare giornalmente il raggiungimento degli obiettivi aziendali.

Nel 2015 Ekuota è entrata in Speed MI Up, l’incubatore d’impresa di Università Bocconi e Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi, con il supporto del Comune di Milano. Ha completato il percorso di incubazione nel 2017 ed è tuttora ospite in co-working. Speed MI Up accelera lo sviluppo delle startup in modo pro-attivo, le sollecita nel perseguimento degli obiettivi, le forma tramite tutorship individuali e collettive. Le startup possono così crescere, strutturarsi velocemente, migliorare il lato strategico, manageriale e finanziario, affinare il business plan per accedere ai finanziamenti esterni.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

F
Fintech

Articolo 1 di 5