Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

SCENARI

Lavoro, l’automazione non fa più paura. Ecco perché

Secondo una ricerca Pwc il 61% dei dipendenti non teme l’impatto negativo delle tecnologie. A patto che si investa sulla formazione continua. Il 77% si riqualificherà in ottica 4.0

24 Set 2019

Antonio Dini

La digitalizzazione è un fatto culturale, non tecnologico. E richiede un salto di qualità degli individui e delle aziende, non dei microchip o degli algoritmi.

Sul fronte dei lavoratori secondo una ricerca di Pwc sul rapporto tra lavoro, tecnologia e competenze, la paura dell’automazione è la principale fonte di ansia tra quelli che hanno meno opportunità di riqualificarsi e costruirsi nuove competenze.

Secondo la ricerca che è stata condotta in 11 paesi, oltre un terzo (34%) degli adulti senza istruzione scolastica o formazione oltre la scuola dell’obbligo afferma di non avere opportunità di apprendere nuove competenze digitali, rispetto al solo 17% dei laureati. Il 53% dei lavoratori ritiene che l’automazione cambierà significativamente o renderà obsoleto il proprio lavoro entro i prossimi dieci anni (solo il 28% ritiene che ciò sia improbabile). Infine, il 77% degli adulti apprenderebbe anche adesso nuove competenze o si riqualificherebbe completamente per migliorare la propria occupabilità futura.

Secondo la ricerca, le persone che hanno meno opportunità di apprendere nuove competenze digitali hanno più paura dell’impatto dell’automazione e hanno maggiori probabilità di essere a un livello di istruzione inferiore.

I risultati provengono dalla ricerca che PwC ha costruito intervistando oltre 22mila adulti in 11 paesi in tutto il mondo, e si basano sull’analisi economica di PwC sull’impatto dell’automazione sui posti di lavoro.

Mentre il 53% dei lavoratori intervistati ritiene che l’automazione cambierà o renderà il proprio lavoro notevolmente obsoleto entro i prossimi dieci anni (solo il 28% lo ritiene improbabile), la maggior parte, cioè il 61%, è positivo sull’impatto della tecnologia sul lavoro quotidiano e il 77% delle persone sostiene che acquisirà nuove competenze o che si riqualificherà in un prossimo futuro per migliorare la propria occupabilità.

Tuttavia, le opportunità e gli atteggiamenti variano significativamente in base al livello di istruzione degli individui. Anche la posizione, il sesso e l’età hanno un ruolo.

Gli intervistati con una laurea specialistica sono i più ottimisti riguardo alla tecnologia e alle loro prospettive di lavoro future, anche se ritengono che il loro attuale lavoro possa cambiare in modo significativo o essere spostato.

Al contrario, oltre un terzo (34%) degli adulti senza istruzione o formazione post-secondaria sostiene di non apprendere nuove competenze digitali rispetto al solo 17% dei laureati. Ai lavoratori senza istruzione o formazione oltre il liceo è anche meno probabile che vengano offerti questo tipo di opportunità di formazione dai loro datori di lavoro (il 38% non ottiene opportunità rispetto al 20% dei laureati). Sono anche più preoccupati per l’impatto della tecnologia sul lavoro, con il 17% che afferma di essere nervoso o spaventato.

Per quanto riguarda le differenze di genere, gli uomini sono più propensi delle donne a pensare che la tecnologia avrà un impatto positivo sul loro lavoro e migliorerà le loro prospettive occupazionali. È anche più probabile che apprendano nuove competenze (l’80% degli uomini intervistati afferma di farlo, contro il 74% delle donne).

Allo stesso modo i giovani di età compresa tra 18 e 34 anni sono più ottimisti riguardo al futuro digitale rispetto a qualsiasi altra fascia d’età adulta. Sono peraltro quelli che stanno anche ricevendo le maggiori opportunità di formazione. Ad esempio, il 69% dei giovani di età compresa tra 18 e 34 anni si sente positivo circa l’impatto futuro della tecnologia sul proprio lavoro, rispetto al 59% dei 35-54 anni e al 50% di quelli di età superiore ai 55 anni. Solo il 18% dei giovani di età compresa tra 18 e 34 anni afferma che il datore di lavoro non ha avuto l’opportunità di apprendere nuove competenze digitali. Per i 35-54 anni e quelli con più di 55 anni le cifre sono rispettivamente del 29% e 38%.

Le persone sono divise anche per le abilità che vogliono imparare. Proporzioni simili di lavoratori vogliono diventare competenti in una tecnologia specifica rispetto a coloro che vogliono migliorare nell’apprendimento e nell’adattarsi alle diverse tecnologie in modo più generico.

Infine, per quanto riguarda le differenze tra le diverse aree geografiche, i lavoratori in Cina e in India sono di gran lunga i più ottimisti sull’impatto della tecnologia (anche dopo essersi adattati ai pregiudizi culturali), nonostante sia più probabile che credano che il loro lavoro cambierà in modo significativo. I lavoratori in queste regioni stanno ottenendo maggiori opportunità di aggiornamento: rispettivamente il 97% e il 95% hanno la possibilità di aggiornarsi grazie ai loro datori di lavoro. D’altro canto, i lavoratori nel Regno Unito e in Australia affermano di avere opportunità di apprendere nuove competenze ridotte al minimo. Tendono per questo ad essere meno positivi riguardo all’impatto della tecnologia.

Se le persone vivano in aree rurali o urbane influisce anche sul loro atteggiamento nei confronti della tecnologia. Ad esempio, il 67% degli abitanti delle città crede che le loro prospettive di lavoro saranno migliorate dalla tecnologia (48% nelle aree rurali) e all’80% vengono offerte opportunità di aumento di competenze dai propri datori di lavoro, rispetto al 60% dei lavoratori residenti nelle comunità rurali.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

P
PWC

Approfondimenti

A
Automazione
L
lavoro

Articolo 1 di 2