Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L’EVENTO

Le nuove sfide del cybercrime. Il Clusit: “attacchi in crescita su scala globale”

Fino al 7 giugno a Roma il Security Summit, organizzato da Clusit e con la partecipazione di esperti e addetti ai lavori. Previsto l’intervento del commissario Ue Věra Jourová. Conferenza conclusiva sugli aspetti eticamente rilevanti dell’utilizzo dell’AI

06 Giu 2018

A. S.

Sono cresciuti costantemente, nell’arco degli ultimi 12 mesi, gli attacchi informatici “industrializzati”, realizzati su scala planetaria contro bersagli multipli, sempre più gestiti attraverso sistemi controllati da automatismi e guidati dal machine learning. E’ quanto emerge dal rapporto Clusit, presentato questa mattina nel corso della decima edizione del  Security summit. Una tecnica che, spiega Andrea Zapparoli Manzoni, tra gli autori del report, “consentirà ai cyber criminali di sferrare attacchi a intensità e impatto sempre più elevati”.

Proprio di nuove tecnologie e nuovi rischi, normative e raccomandazioni per la difesa si parlerà fino al 7 giugno nel corso del’evento in corso al Crown Plaza Roma St. Peter’s, organizzato da Clusit e Astrea, agenzia di comunicazione e marketing.

Ad inaugurare l’edizione 2018 Nunzia Ciardi, direttore del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni, Giovanni Reccia, Comandante del Nucleo Speciale Frodi tecnologiche della Guardia di Finanza, Corrado Giustozzi, esperto di sicurezza cibernetica presso l’Agenzia per l’Italia Digitale ed Enisa (Agenzia dell’Unione Europea per la sicurezza delle informazione e della rete), insieme a rappresentanti delle imprese, per delineare lo stato dell’arte della cyber security e rafforzare la consapevolezza sulla sicurezza delle informazioni, delle reti e delle infrastrutture informatiche nel nostro Paese.

L’evento conterà in tutto su 2 tavole rotonde, 6 sessioni di formazione professionale, 7 seminari, 24 atelier tecnologici, fino alla sessione plenaria di chiusura, che si svolgerà giovedì 7 giugno alle ore 17.45, a conclusione ideale del percorso di Security Summit: “Quando si delegano le proprie decisioni ad algoritmi basati su motori inferenziali, quali garanzie esistono per utenti e consumatori e per il processo democratico?”, che sarà aperto dall’intervento di Věra Jourová, Commissario europeo per la giustizia, la tutela dei consumatori e l’uguaglianza di genere. Poi gli esperti del Clusit – tra cui il presidente, Gabriele Faggioli – si confronteranno sugli aspetti eticamente rilevanti dell’utilizzo dell’Intelligenza Artificiale a partire dal caso Facebook – Cambridge Analytica con rappresentanti delle Istituzioni italiane ed europee, quali Luigi Montuori (Autorità Garante per la protezione dei dati personali), Corrado Giustozzi (AgID, ENISA) e Fabio Roli (Università di Cagliari).

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5