Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

“Le parole che sono importanti”, online la raccolta

22 Apr 2013

Da oggi fino al 26 maggio è online www.leparolechesonoimportanti.it; il sito dove poter suggerire una o più parole per raccontare il mondo della solidarietà. Gi internauti potranno dare il proprio contributo creativo e affettivo, condividendolo anche attraverso i social network.

La campagna “Le parole che sono importanti” è la prima di una serie di iniziative che Enel Cuore intende promuovere in occasione dei dieci anni di attività.

L’idea è quella di stimolare il terzo settore, e l’opinione pubblica in generale, sull’opportunità di ripensare il modo di comunicare il mondo della solidarietà, partendo da “Le parole che sono importanti” e introducendone delle nuove che vengono dal quotidiano e dalla dimensione valoriale delle persone, siano esse volontari, operatori o cittadini.

Le parole della solidarietà raccolte attraverso il sito www.leparolechesonoimportanti.it contribuiranno a realizzare un’iniziativa editoriale in collaborazione con la casa editrice Feltrinelli e la Scuola Holden. Il libro, che raccoglierà 100 parole esplorate ed interpretate da personaggi del mondo della cultura, dell’università, del giornalismo, dello sport e della musica, si propone come uno strumento di riflessione utile alle associazioni e a tutti coloro che lavorano nel terzo settore; un punto di partenza e una traccia attraverso la quale comunicare, raccontare le attività e scrivere i progetti.

Nei dieci anni di vita di Enel Cuore sono stati promossi 540 progetti in Italia e all’estero, destinando circa 50 milioni di euro, nell’ambito dell’assistenza sociale e socio-sanitaria, a sostegno dell’educazione, dello sport e della socializzazione, con particolare riguardo verso i bambini, gli anziani, le persone con disabilità.

Argomenti trattati

Approfondimenti

E
enel
F
Feltrinelli
S
scuola holden