L'ANALISI

Le tech company “bastioni” di Wall Street: fondamentali solidi

I titoli Fang, con Apple e Microsoft in testa, continuano ad attrarre investitori e secondo gli analisti garantiranno una ripresa più veloce dell’S&P 500 nonostante le ingenti perdite dovute all’emergenza Coronavirus

18 Mar 2020

Patrizia Licata

giornalista

Nel calo generalizzato delle Borse globali dovuto all’emergenza coronavirus, l’indice S&P 500 a Wall Street “tiene” grazie ai colossi tecnologici come Apple e Microsoft, che continueranno a sostenere l’intero mercato azionario.

È vero che l’indice Faang (Facebook, Apple, Amazon, Netflix, Google) del Nyse ha perso il 31% dopo il valore record raggiunto il 19 febbraio, mentre l’S&P 500 ha perso “solo” il 25%. Tuttavia le perdite anno su anno dei colossi hitech si limitano al 13%, mentre la flessione anno su anno dell’S&P 500 è del 22%, svelano i dati riportati da Bloomberg. Secondo gli analisti le Big tech sul mercato azionario hanno prestazioni migliori delle imprese degli altri settori e possono fare da bastione contro la crisi e sostegno per gli investitori.

I “fondamentali” delle Big Tech restano solidi

La crescita per i colossi hitech “si è mantenuta per lo più stabile dopo il picco dell’S&P 500 il 19 febbraio”, hanno scritto gli esperti di Rbc Capital Markets. “Nel breve termine pensiamo che questa resilienza continuerà perché i fondamentali tengono maggiormente in chi cresce a ritmi stabili, soprattutto nelle industrie hitech, software, internet e e-commerce”. A meno di un’ondata di redenzioni o liquidazioni di fondi che potrebbe dare origine a una serie di vendite, ha aggiunto Rbc.

Secondo gli esperti di Tallbacken Capital Advisors le grandi aziende della tecnologia e del digitale restano favorite perché sono solide nei conti e hanno ampia liquidità e possono proteggere maggiormente dai rischi – caratteristiche che attraggono gli investitori. Le Big tech con grandi capitalizzazioni di mercato, dicono alla Tallbacken Capital Advisors, possono essere considerate un “ritorno” certo dell’investimento.

Apple e Microsoft sostengono Wall Street

WHITEPAPER
Trasformazione digitale: le tecnologie più rilevanti per supportare la crescita delle aziende
Digital Transformation

Potrebbe rimanere difficile infiammare l’entusiasmo degli investitori in epoca di pandemia, con la profonda incertezza sulle future evoluzioni dell’emergenza coronavirus. La crescita delle economie globali è prevista in contrazione, come ha confermato un sondaggio tra fund manager condotto da Bank of America.

Tuttavia, nonostante le recenti perdite, anche il generale indice S&P 500, il principale benchmark azionario relativo ai titoli quotati a Wall Street, sta andando meglio di altri indici di Borsa globali grazie al sostegno dei colossi tecnologici, in particolare per “l’effetto resilienza” offerto da aziende come Apple e Microsoft, evidenziano gli analisti di Evercore ISI.

L’outlook è confermato dagli esperti di Piper Sandler: la resilienza tecnica delle Big tech Usa sostiene la Borsa americana. Ci sarà senz’altro un aumento della volatilità, ma il settore tecnologico “continuerà ad essere preferito dagli investitori” e recupererà in tempi relativamente rapidi quando il mercato azionario tornerà a crescere.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 2