LA CLASSIFICA

Location & Navigation: le migliori piattaforme sul mercato

Here mantiene la leadership, TomTom supera Google e conquista la seconda posizione e Mapbox sale al quarto posto. Il flusso continuo di dati telemetrici il nuovo campo di battaglia: da mapping platforms a data platforms. L’analisi di Counterpoint Research

Pubblicato il 09 Gen 2023

Counterpoint-Research-CORE-Scorecard-Location-Platforms-Effectiveness-Index-Jan-2023

Il 2022 è stato un anno cruciale per l’ecosistema della “mobilità”, in particolare per le piattaforme di localizzazione. Lo afferma un’analisi di Counterpoint Research, secondo cui queste piattaforme hanno continuato a costruire funzionalità solide e significative, stringendo partnership chiave all’interno dell’ecosistema per trasformare digitalmente diverse applicazioni, dall’automotive intelligente e dall’IoT/impresa basata sui dati alle esperienze di localizzazione incentrate sul consumatore.

Il potere della posizione come contesto, unito al flusso continuo di dati di telemetria e visualizzati per ricavare intuizioni o capacità autonome, è diventato quindi il nuovo campo di battaglia che trasforma le piattaforme di mappatura e localizzazione in “piattaforme di dati“. Di conseguenza, queste piattaforme di localizzazione stanno diventando modulari, offrendo dati ricchi, servizi tramite Api, servizi di co-creazione, analisi e strumenti di visualizzazione per consentire agli sviluppatori di creare potenti esperienze incentrate sulla posizione. Tuttavia, la scelta della piattaforma giusta è una sfida per le aziende e gli sviluppatori. 

Here sul gradino più alto del podio

Proprio per aiutare a comprendere meglio le capacità delle principali piattaforme di localizzazione e le tendenze del mercato, Counterpoint ha pubblicato l’ultima edizione del rapporto Location platform effectiveness scorecard, che analizza oltre 30 fornitori leader di piattaforme di mappatura e localizzazione utilizzando il framework proprietario Core (COmpetitive Ranking Evaluation). Questa valutazione completa e dettagliata si basa su oltre 65 funzionalità chiave che coprono sette categorie: dati delle mappe, intelligence sulla posizione, servizi di localizzazione, piattaforma dati, ecosistema di sviluppatori, partner e crescita del rolodex dei clienti dal nostro ultimo aggiornamento.

INFOGRAFICA
Guida al DAS elettronico: scopri le nuove procedure!
Amministrazione/Finanza/Controllo
CIO

Dal rapporto emerge che Here, definita la “Svizzera delle piattaforme di localizzazione” continua a guidare la classifica delle piattaforme di localizzazione per il sesto anno consecutivo . Negli ultimi 12 mesi, Here ha continuato a migliorare la sua piattaforma leader del settore con nuove capacità differenziate, partnership (come Aws) e acquisizioni di clienti (VinfastVolta Trucks, Smart) mirate ad applicazioni avanzate. Alcuni esempi di prodotti e servizi di Here includono Adas/Isa MapsEv, Truck Routing, Asset Tracking, Last Mile e Workspace come strumento di creazione di mappe low-code.

“Here è in testa alla classifica globale delle piattaforme di localizzazione in termini di completezza, capacità e successo dei clienti – spiega Neil Shah, vicepresidente di Counterpoint Research -. Ha scavalcato la concorrenza in molteplici aspetti, dalla fornitura di dati sulla posizione e contenuti di servizi accurati tramite la sua piattaforma all’aiutare le aziende a trasformarsi digitalmente con i suoi servizi di consulenza, implementazione e supporto”. Non solo. “Here ha anche continuato ad aumentare il divario con i rivali, guidando nella maggior parte delle nostre categorie di valutazione – aggiunge Shah -. Durante l’anno, abbiamo assistito a una più ampia diversificazione del portafoglio di Here in aree geografiche, settori verticali e applicazioni. Con la sua mappatura avanzata, i contenuti di navigazione e la piattaforma di localizzazione altamente scalabile e automatizzata, Here rimane la scelta numero uno quando si tratta di settori verticali automobilistici, logistici e aziendali. La piattaforma di localizzazione di Here si sta avvicinando a un punto di svolta considerando la sua solida pipeline di licenze, monetizzazione e co-creazione di opportunità IP in tutto l’ecosistema”.

La risalita di TomTom: ecosistema sempre più forte

TomTom, intanto, ha superato Google, conquistando per la prima volta il secondo posto nelle classifiche di valutazione Core della piattaforma di localizzazione di Counterpoint. Il 2022 è stato un anno piuttosto ricco di eventi per il “cartografo” olandese. La società si è rinominata con un nuovo logo e ha annunciato la “piattaforma mappe TomTom”, che include nuove mappe, piattaforma di mappatura ed ecosistema.

Commentando la crescita di TomTom quest’anno, l’analista di ricerca Mohit Sharma spiega che “la nuova piattaforma di mappe trasformata, l’esperienza degli sviluppatori e le nuove funzionalità hanno aiutato il fornitore a guadagnare una quota di mente e di mercato. TomTom ha adottato un approccio modulare per la sua nuova piattaforma, concentrandosi su dati e servizi nelle applicazioni automobilistiche, aziendali e di consumo, mentre nel 2022 ha stretto nuove partnership e acquisizioni di clienti. Ciò ha aiutato TomTom a migliorare la sua valutazione complessiva e superare Google”.

Ad esempio, l’ingresso di TomTom nel segmento del cockpit digitale con il suo “TomTom digital cockpit” ha visto sorprendenti partnership con sviluppatori come Spotify, Access, Cinemo , Amazon Alexa e fornitori di primo livello come Harman e Bosch. Un’altra vittoria importante è l’adesione di TomTom al Consorzio Mih con Foxconn per rafforzare la propria presenza nei veicoli per la mobilità intelligente di nuova generazione. In termini di funzionalità della piattaforma, TomTom ha ampliato il suo portafoglio di guida automatizzata e la copertura con alcune vittorie di clienti, come Hyundai Motor Group, Fisker e altre case automobilistiche per le sue mappe di guida L2+. Nel segmento aziendale, ha gestito alcune significative acquisizioni di clienti su tutta la flotta, logistica, società di ultimo miglio e ride-hailingTomTom si è anche mosso per rafforzare la sua partnership con le migliori aziende tecnologiche come Amazon, Meta e Microsoft co-fondando ” Overture maps “, che dovrebbe aiutare il venditore a guadagnare un po’ di condivisione e scalabilità.

Lo “scivolone” di Google: “Mancanza di capacità di visione”

Google si classifica terzo fornitore di piattaforme di localizzazione e mappatura a livello globale, essendo stato superato quest’anno da TomTom per la prima volta. Google continua a beneficiare di una forte copertura nello spazio consumer grazie ai dispositivi Android che aiutano il fornitore a ottenere buoni risultati in termini di scalabilità, copertura e utilizzo dei dati. La trazione nello spazio automobilistico tramite Android Auto ha anche aiutato Google a mantenere una certa presenza nel settore automobilistico verticale contro concorrenti più grandi e di maggior successo come Here e TomTom.

Commentando la valutazione di Google, il direttore della ricerca Jeff Fieldhack chiarisce: “Google continua a concentrarsi sulle applicazioni B2C (dispositivi intelligenti) e B2B2C (vendita al dettaglio, logistica e servizi O2O) per la piattaforma Google Maps dal punto di vista delle capacità e della strategia globale di Google Cloud. I servizi basati sulla posizione dal punto di vista della ricerca, della scoperta e della visualizzazione per i suoi utenti Android sono stati il punto debole per la piattaforma Google Maps. L’adozione e la scalabilità nei trasporti e nella logistica sono state forti, in particolare per le imprese rivolte ai consumatori , che forniscono oltre 10 miliardi di geocodici al mese e 800 milioni di rotte al giorno. Tuttavia, la piattaforma Google Maps è scivolata nelle nostre classifiche a causa della sua mancanza di capacità di visione, concentrazione e portfolio e per l’allineamento con altre opportunità di alto valore nel settore automobilistico e aziendale. Il suo modello di business incentrato sulla pubblicità è uno dei motivi per cui la sua posizione sfuggente in questi verticali è diventata una piattaforma di localizzazione a tutto tondo”.

Mapbox quarta in classifica

In questo quadro, Mapbox balza al quarto posto nella nostra classifica grazie alla sua attenzione alla comunità degli sviluppatori, alle capacità di visualizzazione come 3D Globe Maps e all’annuncio di nuove funzionalità e capacità come le nuove mappe di stile di base e lo strumento di analisi “co-pilota” . Negli ultimi anni, Mapbox si è orientata per catturare il segmento automobilistico e logistico e ha rafforzato la sua presenza introducendo prodotti e servizi come Isa Maps, EV routing e Mapbox fleet. Nel processo, è riuscita a ottenere alcuni nuovi clienti come Toyota e FedEx.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5