Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LASCIA PILERI

Lucarelli presidente di Csit “Pronti al rilancio”

Il manager succede a Stefano Pileri che si è dimesso. L’associazione spinge sulla collaborazione con Miur e ministero dell’Ambiente per contribuire alla modernizzazione della PA

20 Gen 2012

Federica Meta

Ennio Lucarelli è stato eletto all’unanimità presidente di Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici (Csit), in sostituzione di Stefano Pileri. L’assemblea ha approvato inoltre il programma della Federazione incentrato su alcuni temi considerati particolarmente importanti per la ripresa italiana: Liberalizzazioni, Concorrenza, Internazionalizzazione ed Innovazione dei Servizi. "A questi temi – spiega l’associazione in una nota – si aggiunge l’obiettivo di realizzare un profondo ammodernamento e snellimento della struttura associativa della Federazione concorrendo alla semplificazione del sistema della rappresentanza associativa e dell’importante mondo dei Servizi professionali".

La Federazione ha inoltre confermato i vice presidenti Franco Cavallaro (Oice) e Roberto Magliulo (Confindustria Salerno), anche presidente del Comitato di Coordinamento Nazionale Territoriale della Federazione.

"Questa fase – spiega Csit – rappresenta il compimento di un processo durato molti mesi dedicati alla ristrutturazione della nuova Federazione ed alla messa a punto di numerose iniziative, quali le Alleanze Tecnologiche Italiane per l’innovazione in collaborazione con il ministero dell’Università e la Ricerca, il Protocollo con il ministero dell’Ambiente sul tema della digitalizzazione della gestione ed il controllo dei rifiuti speciali (Sistri), la semplificazione della PA e la riduzione dei tempi di pagamento dell’amministrazione, l’Innovazione, la limitazione agli affidamenti in house e della maggiore apertura del Paese alla concorrenza fra imprese di servizi private e pubbliche".

Argomenti trattati

Approfondimenti

C
confindustria
C
csit
L
lucarelli
P
pileri

Articolo 1 di 5