Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

SENTIERI DEL VIDEO

Ma un frate trappista può usare Twitter?

Come impatta Internet con le pratiche religiose? Cosa vuol dire Facebook per un convento di clausura o per una comunità buddista?

17 Giu 2013

Enrico Menduni, professore di Media e Comunicazione Università Roma Tre

Come impatta Internet con le pratiche religiose? Cosa vuol dire Facebook per un convento di clausura, o per una comunità buddista? Un confronto con gli studiosi di storia delle religioni (Rieti, Centro europeo di studi agiografici, 5 giugno 2013) mostra come i mass media siano stati molto importanti per diffondere le vite dei santi e il carisma del papa, mentre i social network abbiano più a che fare con le devozioni, cioè l’aspetto sociale e pubblico della preghiera: consentono ai fedeli di qualcuno o di qualcosa di organizzarsi come un fandom, ma anche a curatori, veggenti, stigmatizzati e mistici di farsi conoscere. La pagina Facebook di una mistica napoletana che afferma di curare la sterilità femminile è piena di testimonianze di donne (vere? o sono come le recensioni dei ristoranti?) che attestano che la cura è riuscita, magari con un mix di prescrizioni mediche e di frequentazioni della mistica, così da non sapere esattamente a chi si deve la grazia.

Le monache di clausura possono usare il telefonino? I frati trappisti cui è imposto il silenzio possono twittare o mandare sms? Ricordavo un antico radiodocumentario di Sergio Zavoli, “Clausura” (1958), in cui un microfono, e solo quello, era stato fatto filtrare dentro un convento di Bologna. Gli studiosi riuniti a Rieti attestano che esistono pratiche diverse: qui tutti i frati hanno il computer, là è la madre badessa l’unica che ha un telefonino. È evidente che non è stata ancora stabilita una regola certa, segno che l’irruzione dei media digitali e dei social ha alterato profondamente, rimescolato e per certi versi distrutto i confini tra sfera pubblica e privata, anche nel senso religioso. Stare in clausura, ma usare Skype, non è proprio la stessa cosa di prima. Le religioni non maggioritarie, come le confessioni buddiste, sono organizzate per comunità – anche i primi cristiani lo facevano – che si riuniscono periodicamente, generalmente una volta la settimana. Come avvengono i contatti fra una riunione e l’altra? Le testimonianze portate a Rieti parlano di relazioni prevalentemente telefoniche in alcuni luoghi, completamente spostate sui social media altrove. Il desiderio di rimanere collegati, dunque, assume diverse forme a seconda dell’uso delle tecnologie proprio di quel gruppo.

Alcuni santuari si avvicinano a parchi a tema di argomento religioso; città segnate da luoghi miracolosi o da un santo importante vedono nei pellegrinaggi una forma particolare di turismo, stimolando indirettamente il culto. Ma è nel Web 2.5, nei social network e nelle devozioni digitali che le pratiche religiose trovano una nuova dimensione.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link