AUTOMOTIVE

Marelli spinge sulla “body electronics”: via al nuovo hub

La struttura torinese ospiterà 90 ingegneri su un totale di 130 dipendenti. Focus anche sui sistemi di illuminazione evoluti e piattaforme avanzate di assistenza alla guida

14 Feb 2020

D. A.

Heinrich-Gerhard Schuering, CEO della Business Unit Electronics di Marelli, e Sylvain Dubois, CEO della Business Unit Automotive Lighting di Marelli, inaugurano il nuovo centro

Una nuova sede dedicata al Lighting and Body Electronics (Lbe) e ai Sensori per sistemi avanzati di assistenza alla guida (Advanced Driver Assistance Systems – Adas). La struttura fa capo al centro di Ricerca e Sviluppo di Marelli Automotive Lighting ed è stata inaugurata oggi a Torino. Riunendo in unico luogo diversi know-how, il centro sarà fondamentale per supportare le attività di Marelli Automotive Lighting nell’ambito dell’elettronica dedicata all’illuminazione del veicolo e alla “Body Electronics”, ovvero l’elettronica di bordo che sovrintende in generale alle principali funzioni dell’automobile. Lighting e Body Electronics sono competenze consolidate dell’azienda. Inoltre, il focus sugli Adas sottolinea la rilevanza di questo ambito come driver di crescita nel quadro dell’evoluzione della mobilità.

Le caratteristiche e le finalità del centro

Il nuovo centro copre una superficie di oltre 3.000 metri quadrati su cinque piani ed è attiguo all’esistente stabilimento di Marelli. Ospita circa 90 ingegneri, su un totale di oltre 130 dipendenti. Il layout interno degli uffici, si legge in una nota dell’azienda, è disegnato per promuovere la collaborazione e la comunicazione, con l’obiettivo di facilitare le sinergie tra le differenti competenze presenti nelle aree dell’elettronica, dell’illuminazione e dello sviluppo software.

Il nuovo polo sarà innanzitutto un centro di competenza essenziale nell’ambito della Body Electronics, in cui Marelli vanta un’esperienza di oltre venti anni nello sviluppo di Body Computer Modules (Bcm), gateway e altre applicazioni elettroniche a bordo veicolo, come moduli per portiere e moduli trunk. Un’altra area dell’attività di Marelli Automotive Lighting all’interno del centro sarà quella dedicata allo sviluppo di centraline di controllo elettronico (Electronic Control Units – Ecy) per la gestione e il controllo dei sistemi di illuminazione del veicolo, diventate sempre più importanti negli ultimi anni seguendo l’evoluzione delle tecnologie di lighting in ambito automotive.

WHITEPAPER
Smart Working e sostenibilità: un binomio imprescindibile
Digital Transformation
Open Innovation

A supporto delle attività di ricerca e sviluppo, nel centro saranno presenti anche quattro laboratori. Tra questi, un laboratorio di validazione del software dotato di cinque sistemi “Hardware In the Loop“, in grado di emulare l’uso del software in un veicolo, soddisfacendo le specifiche di validazione dei diversi clienti. Un altro laboratorio è dedicato ai test preliminari su software e hardware tramite simulatori. Il centro comprende anche un laboratorio con banchi per verificare software sviluppati per le macchine di test posizionate a fine linea negli stabilimenti produttivi dei clienti, e per software sviluppato per In Circuit Test. Un’altra caratteristica significativa della nuova struttura è il laboratorio con camera oscura per test ottici su LiDar e telecamere.

Il centro, che ha ottenuto la certificazione A-Spice di livello 2, standard internazionale che garantisce la qualità di prodotti software, ospiterà anche un’area dedicata agli Adas, con focus in particolare sullo sviluppo di sensori e videocamere. Le attività in quest’ambito potranno beneficiare del know-how di Marelli in diversi ambiti fondamentali come Software Engineering, Functional Safety, Safety Of The Intended Functionality e applicazioni di Cybersecurity.

Le nuove competenze di Marelli

In quest’ambito Marelli può contare anche sulle competenze e le tecnologie che derivano dal recente accordo con XenomatiX, finalizzato allo sviluppo di sistemi LiDar modulari basati sulla tecnologia “allo stato solido” (“solid state”), e dall’acquisizione nel 2018 di SmartMeUp, start-up francese specializzata nella tecnologie di percezione che utilizza l’Artificial Intelligence. In quest’ottica, l’apertura del nuovo centro rappresenta un ulteriore passo avanti nel rafforzamento del ruolo di Marelli nel campo delle tecnologie per gli Adas, posizionando l’azienda come partner capace di supportare in modo efficiente i clienti nei loro progetti nel campo dei sistemi avanzati di assistenza alla guida.

@RIPRODUZIONE RISERVATA