Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

SUN VALLEY CONFERENCE

Mario Monti negli Usa incontra i “guru” hi-tech

Il premier alla Sun Valley Conference discuterà con i ceo dei più grandi player mondiali. Obiettivo: convincerli ad investire in Italia

12 Lug 2012

F.Me.

Mario Monti incontra i “guru” dell’Ict. Il premier italiano è stato invitato dalla Banca d’affari Allen&Co a partecipare alla “Sun Valley Conference” che si tiene nell’Idaho dal 12 al 15 luglio.

Ospite d’onore di uno degli eventi più prestigiosi ed esclusivi degli Stati Uniti d’America, Monti si prepara a incontrare Bill Gates, fondatore di Microsoft, Rupert Murdoch, magnate australiano noto in Italia per essere il proprietario di Sky, Warren Buffet, miliardario americano, e Mark Zuckerberg, creatore di Facebook.

Non poteva ovviamente mancare nemmeno Tim Cook di Apple, Larry Page di Google, Jack Dorsey di Twitter e Michael Blomberg, sindaco di New York, insieme con Robert Iger, Ceo di Disney e Kazuo Hirai, ceo di Sony. Il premier si impegnerà a lanciare un messaggio di fiducia: investire in Italia.

D’altronde l’attenzione del premier sul tema dell’innovazione è noto da tempo. Da ricordare il suo discorso di insediamento alle Camere quando ha sottolineato l’impegno del governo “ad operare per raggiungere gli obiettivi fissati in sede europea con l’Agenda digitale e promuovere la diffusione della banda larga”.

Secondo Monti inoltre “un impulso all’attività economica potrà derivare da un aumento del coinvolgimento dei capitali privati nella realizzazione di infrastrutture”. “Gli incentivi fiscali stabiliti con la legge di stabilità sono un primo passo – puntualizzava – ma è necessario anche intervenire sulla regolamentazione del project financing in modo da ridurre il rischio associato alle procedure amministrative.

Non va poi dimenticato l’impegno profuso nella redazione dell’Agenda digitale italiana che ora attende di diventare legge o nella forma di un decreto ad hoc – il Digitalia – o nella forma di emendamenti al decreto Sviluppo firmato Passera.