Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL MONITO

Mattarella: “Web rispetti le regole democratiche”

Il Capo dello Stato avverte sui rischi del far west digitale: “Non esistono ‘non luoghi’, anche nella dimensione virtuale i principi di riferimento sono quelli contenuti nelle Carte costituzionali delle democrazie”

25 Lug 2019
Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella al Teatro Carignano di Torino per la cerimonia di inaugurazione dell'anno accademico 2018/2019 dell'Università di Studi di Torino. (foto di Francesco Ammendola, ufficio stampa Presidenza della Repubblica)

L’egemonia di pochi colossi dell’impresa digitale assume una pervasività sin qui sconosciuta“. E’ una sorta di allarme quello lanciato dal Capo dello Stato, Sergio Mattarella, durante la cerimonia del Ventaglio.

“Il sistema delle relazioni interpersonali, come pure l’economia, il mondo del lavoro, della scienza e della cultura debbono molto alla svolta digitale che ha cambiato il volto del pianeta in breve tempo – ha sottolineato – Questa profonda innovazione, con la diffusione dell’uso dell’intelligenza artificiale anche nel mondo della comunicazione, interpella, tuttavia, in maniera intensa, su temi che vengono messi in discussione, come la libertà, la dignità delle persone, la dimensione della riservatezza”.

“Gli strumenti per guidare in modo positivo l’evoluzione digitale, a servizio delle persone – ha evidenziato – consistono nell’applicazione puntuale dei principi sui quali si basa l’esperienza liberal-democratica, costruita a caro prezzo da tanti popoli. Non esistono ‘non luoghi’: si tratta comunque di spazi, sia pure virtuali, in cui interagiscono persone e si registrano attività umane; e anche la dimensione digitale deve rispettare principi e regole frutto delle conquiste democratiche”.

“I principi – ha concluso – sono sempre quelli contenuti ed espressi nella Carte costituzionali delle democrazie”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

I
internet
S
Sergio Mattarella
W
web

Articolo 1 di 3