Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

MALWARE

McAfee: Laura Pausini è la celebrity italiana più “pericolosa” sul web

Una ricerca McAfee la colloca al primo posto, seguita Belen Rodriguez, Marco Bocci, Mario Balotelli e Federica Pellegrini: chi li cerca su Internet rischia di finire in siti pieni di malware e vedersi sottratti password o informazioni personali

08 Ott 2014

L.M.

È Laura Pausini la celebrità italiana più pericolosa da ricercare sul web secondo McAfee. Per l’ottavo anno consecutivo, la ricerca McAfee Most Dangerous Celebrities ha analizzato i risultati delle ricerche web sui personaggi più popolari per individuare quali sono i più pericolosi, tra attori di Hollywood, politici, atleti, musicisti, comici e personaggi pubblici famosi a vario titolo. Pericolosi perché, cercandone il nome e notizie su di loro su Internet, è possibile incappare in malware o finire hackerati dai cybercriminali.

Nel nostro Paese la ricerca ha evidenziato una percentuale di rischio del 16,6% connessa alla ricerca di foto video e informazioni legati a Laura Pausini, cantante molto famosa anche in America Latina, mentre la soubrette al centro del gossip Belen Rodriguez si colloca al secondo posto con il 10.65% di rischio (l’anno scorso classificatasi al terzo posto con una percentuale similare), seguita dall’attore Marco Bocci al terzo posto (con il 6,76%). Chiudono a sorpresa – visti i recenti eventi sportivi che li hanno visti protagonisti in Europa – il calciatore Mario Balotelli al quarto posto (3,33%) e la nuotatrice Federica Pellegrini al quinto (2,22%).

Come è emerso dal recente caso di hacking delle foto private di note celebrità femminili, i criminali informatici sono costantemente alla ricerca di modi per sfruttare l’interesse che si crea intorno eventi culturali che hanno molto seguito, come gli show dei vari awards, i nuovi film e gli spettacoli televisivi, così come le ultime tendenze ispirate dalle celebrità. Questi criminali sfruttano il fascino del pubblico per celebrità e riescono ad attirarlo verso siti pieni di malware, che possono consentire loro di rubare password o informazioni personali.

“La maggior parte dei consumatori è completamente all’oscuro dei rischi per la sicurezza che possono celarsi dietro la ricerca on-line di notizie, immagini e video che riguardino le celebrità, e mettono a rischio la sicurezza per impulsività”, ha dichiarato Valeria Quintini, Senior Director of Emea Partner, Retail and Mobile marketing di McAfee, parte di Intel Security. “I criminali informatici sfruttano proprio la curiosità delle persone per le ultime notizie e il gossip sui vip, per condurli a siti non sicuri che possono infettare gravemente i loro computer e dispositivi, oltre che rubare i dati personali”.

“I nomi delle celebrità digitati insieme ai termini ‘video’ e ‘picture’ risultano tra le ricerche online più pericolose in assoluto” ha aggiunto Quintini. “È il modo con cui i criminali informatici tentano approfittare della curiosità di un gran numero di persone per le novità sui propri beniamini per portarli verso siti che possono rovinare i dispositivi e compromettere i dati personali. Per questo ci impegniamo affinché tutti possano disporre delle informazioni di cui hanno bisogno per proteggere se stessi e i propri dispositivi”.

La classifica e lo studio a livello globale ha evidenziato che digitare su un motore di ricerca Jimmy Kimmel, conduttore tv e comico statunitense, può condurre a un sito pericoloso su cinque.

Lo studio McAfee ha rilevato che la ricerca online di foto e materiale da scaricare relative a Jimmy Kimmel porta con sé una possibilità pari al 19% di finire su un sito web risultato positivo alle minacce online, quali spyware, adware, spam, phishing, virus e altro malware.

Con Jimmy Kimmel al primo posto (in salita dal 39esimo) è la seconda volta che un uomo si trova al vertice della classifica, dopo l’attore Brad Pitt nel 2008. Sul podio oltre a Jimmy Kimmel, si trovano il DJ Armin van Buuren al secondo posto e Ciara, al terzo. Tra le prime 10 celebrità a rischio di contagio informatico troviamo 10 Blake Shelton, Britney Spears (che si mantiene salda alla 7ima posizione), e tre vip del New Jersey, Bruce Springsteen, Jon Bon Jovi e Chelsea Handler.

Articolo 1 di 5