MEDIA

Mediaset-Vivendi, Marina Berlusconi: “Più forti dopo cessione Milan”

La presidente di Fininvest: “Con i francesi abbiamo ragioni da vendere, e possiamo contare su tutta la solidità necessaria per far valere i nostri argomenti”

09 Ago 2016

A.S.

marina-berlusconi-160729112101

“Oggi ci sentiamo ancora più forti di prima nell’affrontare la sfida con Vivendi, sia perché abbiamo ragione da vendere, sia perché possiamo contare su tutte le energie e tutta la solidità necessaria per far valere al meglio le nostre ragioni”. A dirlo in un colloquio con ilSole24ore è Marina Berlusconi, presidente di Fininvest, che spiega come la cessione del Milan alla cordata cinese Sino-Europe Investment Management Changxing sia stato un momento difficile e doloroso per la famiglia Berlusconi, ma sia in prospettiva una scelta “che avrà un impatto molto positivo”. Perché contribuisce a rendere più solide le finanze del gruppo Fininvest, e mette il gruppo nella condizione di affrontare con più sicurezza il mercato e il confronto che si è aperto con i francesi sulla cessione delle attività Pay di Mediaset Premium.

Questa vendita rende Fininvest ancora più solida – spiega riferendosi alla cessione del Milan – I 740 milioni che incasseremo andranno a migliorare ulteriormente una situazione finanziaria già invidiabile. E non dovremo più far fronte a esborsi che avevano ormai raggiunto picchi di 100-150 milioni annui”.

Ceduta la squadra, i pilastri su cui Fininvest si reggerà continueranno a essere tre: Mediaset, Mondadori e Banca Mediolanum. Sul polo televisivo, “che è ovviamente l’asse portante del gruppo Fininvest – sottolinea la presidente – la tv generalista va bene e la pubblicità torna a crescere, smentendo i profeti di sventura che davano per prossimo alla fine questo modello di business”.

Quanto a Mondadori, “è tornata all’utile e prevede risultati in significativa crescita nei prossimi anni – aggiunge Marina Berlusconi – genera cassa, diciamo tra i 40 e i 50 milioni l’anno, con cui ha finanziato le sue acquisizioni, dai libri Rizzoli al digitale di Banzai Media“. Un passaggio anche su Banca Mediolanum: “I numeri eccellenti – conclude – li avete visti tutti”.

Articolo 1 di 2