I RISULTATI FINANZIARI

Mediaworld: l’utile netto balza quasi del 200%

L’azienda chiude il 2021 con un fatturato aggiuntivo di oltre 400 milioni rispetto all’anno precedente, pari a un’impennata del 18%. Il business online traina la crescita. In aumento del 40% gli investimenti. In Italia al via nuove aperture

21 Mar 2022

Veronica Balocco

commerce-shopping3

MediaWorld, parte della catena internazionale di elettronica di consumo MediaMarktSaturn Retail Group, chiude il 2021 con un fatturato di 2,7 miliardi di euro (+17,9% rispetto all’anno precedente) e prevedendo per il 2022 un rilevante piano investimenti, con nuove aperture su tutto il territorio nazionale.  

L’esercizio 2021 dell’insegna, che attraverso circa 5.000 collaboratori gestisce una rete omnicanale con un sito e-commerce integrato con 119 punti vendita diretti localizzati in tutto il territorio nazionale, è stato caratterizzato dalla celebrazione dei 30 anni di presenza in Italia e ha registrato un fatturato di 2,7 miliardi di euro, in incremento di oltre 400 milioni rispetto all’anno precedente. Tale risultato è stato conseguito grazie al significativo incremento delle vendite online (cresciute a doppia cifra superando ampiamente i valori record del 2020) e all’eccellente performance del canale “fisico” nonostante il significativo impatto delle restrizioni governative connesse alla pandemia, che hanno comportato la chiusura di 87 punti vendita nei weekend, festivi e prefestivi, nel periodo compreso tra fine ottobre 2020 e maggio 2021. In tale periodo l’incidenza delle chiusure dei punti vendita è stata più che doppia rispetto ai principali competitor. 

Tutti i segmenti di prodotto sono cresciuti a ritmo sostenuto, anche grazie alle nuove abitudini di consumo degli italiani indotte dall’emergenza Covid e ai bonus governativi, che hanno favorito in particolare la domanda di tv e ricevitori tv.  I risultati di vendita del 2021 trovano conferma anche nei primi mesi del 2022, che hanno registrato un trend ulteriormente migliorativo rispetto al 2021.  

Incremento degli investimenti del 40%

Relativamente agli altri indicatori economico-finanziari, nel 2021 MediaWorld ha registrato un incremento del margine operativo lordo e dell’utile netto rispettivamente dell’85% e del 198% rispetto all’anno precedenteGli investimenti nel 2021 sono stati pari a 28,7 milioni di euro (in crescita del 40% rispetto all’anno precedente) e hanno consentito, tra gli altri, la completa ristrutturazione di 17 punti vendita, l’apertura di 3 nuovi negozi e l’avvio di un significativo programma di investimento pluriennale finalizzato all’upgrade dell’infrastruttura tecnologica.  

WHITEPAPER
Quale ruolo avrà la tecnologia all’interno dei negozi fisici?
Retail
E-Commerce

Nonostante il rilevante incremento degli investimenti, la generazione di cassa derivante dalla gestione operativa e le azioni poste in essere per il miglioramento del capitale circolante hanno consentito un importante miglioramento della posizione finanziaria netta (+48,9 milioni rispetto al 2020), positiva a fine esercizio per 214,8 milioni di euro. 

“Siamo orgogliosi dei risultati ottenuti nell’anno appena trascorso. Il 2021 ha rappresentato per MediaWorld un anniversario importante; abbiamo compiuto 30 anni di presenza in Italia e, nonostante la complessa congiuntura storica ed economica, i nostri clienti hanno riconosciuto l’enorme impegno profuso dalla nostra squadra – dichiara Luca Bradaschia, amministratore delegato di MediaWorld –. Grandi progetti ci aspettano anche a partire da questo 2022. Ci preme ribadire con i fatti il nostro impegno, la connessione con l’intero territorio nazionale e la volontà di proseguire a creare valore, continuando ad introdurre nuovi servizi e format in grado di rispondere alle esigenze degli italiani, in costante evoluzione”. 

In vista la modernizzazione di più di 20 punti vendita

Nel corso del 2022 l’insegna intensificherà ulteriormente i propri programmi di investimento, che comprenderanno la prosecuzione del potenziamento tecnologico a supporto della strategia omnicanale, unitamente a significativi investimenti sui punti vendita fisici. Con particolare riferimento a quest’ultimi, nel 2022 sono in programma numerose nuove aperture su tutto il territorio nazionale con un mix di formati differenti e la modernizzazione di oltre 20 punti vendita, che si aggiungono a quelle già effettuate ed a quelle attualmente in corso, per un totale di oltre 40 negozi completamente ristrutturati.  

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4