Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

COMUNICAZIONI

Mercato UC&C in volata, varrà 34 mld di dollari nel 2017

Survey Idc: le soluzioni utilizzate dal 37% le imprese che adottano le soluzioni. Ottimizzazione dei processi, taglio del Tco e accesso mobile ai sistemi le priorità che spingono le imprese all’adozione

31 Ago 2017

Unified Communications & Collaboration, mercato in espansione: varrà 34 miliardi di dollari nel 2017. Lo prevede Idc secondo cui l’aumento del numero di imprese che utilizzano tecnologie UC&C arriveranno al 37%. Inoltre si assisterà al consolidamento del cloud come modello di delivery nonostante le imprese continuino ad investire anche in sistemi locali. Secondo la survey “2017 IDC MarketScape Worldwide Unified Communications & Collaboration Vendor Assessment” che ha identificato Avaya come leader del settore, le priorità che spingono le aziende ad adottare la Unified communication and collaboration sono rappresentate dall’ottimizzazione dei processi aziendali (43,4%), dall’abbassamento del Tco (42,2%) e dalla possibilità di fornire ai dipendenti accesso mobile ai sistemi. In crescita anche l’interesse da parte delle imprese nell’integrazione dei sistemi di comunicazione con i processi e le applicazioni aziendali.

L’impresa che intenda implementare, modificare o espandere il loro ambiente UC&C, dovrà considerare, dice Idc, l’intera gamma di prodotti o servizi UC&C che il fornitore offre o abilita, comprese tutte le opzioni di implementazione: cloud ibrido/pubblico/privato, servizi gestiti da remoto, o localmente. I fornitori, partner o service provider devono dimostrare provate competenze nell’implementazione delle tecnologie UC&C presso i loro clienti. Verificare la capacità dei fornitori di introdurre nuove applicazioni che influiscano sulle decisioni future per l’infrastruttura, senza però comportare grandi cambiamenti all’infrastruttura esistente.

Articolo 1 di 3