Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

STRATEGIE

Addio a Windows 10 Phone. Finisce l’era degli Os mobili targati Microsoft

“Consiglio” a sorpresa del ceo Nadella: “Gli utenti passino ad Android o al sistema Apple”. E Cortana diventa uno “skill” di Alexa e di Google Assistant

21 Gen 2019

Addio alle armi. È ufficiale: Microsoft dichiara morti Windows 10 Mobile e i Windows Phones, e Satja Nadella consiglia agli ultimi utenti di passare alla vecchia concorrenza: Android o iOS.
Con l’annuncio definitivo dell'”End of Support”, Microsoft ha definitivamente stabilito che, dopo il 10 dicembre, i telefoni che utilizzano ancora il sistema operativo di Microsoft non saranno più aggiornati o supportati. Ma c’è una sorpresa.

Infatti, nelle note alla dichiarazione di termine del supporto, Microsoft aggiunge: “Con la fine di Windows 10 Mobile OS raccomandiamo ai nostri clienti di spostarsi sugli apparecchi Android o iOS che supportano i nostri prodotti. La missione di Microsoft è di dare a tutte le persone e a tutte le organizzazioni del pianeta gli strumenti grazie ai quali fare di più. Per questo è per noi importante continuare a dare supporto ai nostri prodotti software anche su quelle piattaforme”.

Aggiunto a questo c’è anche l’annuncio, ribadito come il precedente dallo stesso numero uno di Redmond, Satja Nadella, che Cortana, l’assistente virtuale di Microsoft, da oggi non è più in competizione diretta con Alexa di Amazon o con l’Assistente di Google. Anzi, Nadella ritiene che Cortana debba diventare invece uno “skill”, un talento degli altri assistenti, in maniera tale che tutti gli utilizzatori di questi assistenti possano avere accesso alle caratteristiche di Cortana e aiutare così ad esempio gli iscritti a Microsoft 365.

La stampa americana ricorda che la fine di Windows 10 Mobile era da tempo nell’aria e che i grandi clienti che usavano come flotta di smartphone gli apparecchi con sistema operativo prodotto a Redmond stavano da tempo lasciando la nave prima che affondasse. Un caso sopra tutti: la polizia di New York: ancora nel 2017 il New York City Police Department (Nypd) aveva terminato il ciclo di vita dei 36mila apparecchi Windows Mobile prima che fosse finito il loro normale utilizzo, sostituendoli con degli iPhone.

Ed è dalla fine del 2017 che le voci su una fine prematura di Windows 10 mobile, senza che Microsoft avesse effettivamente desiderio di perseguire una strategia di piattaforma nel settore dei sistemi operativi mobili, si inseguono. C’è anzi chi sostiene che proprio il Dna di Nadella, che ha sviluppato il successo del cloud Azure di Microsoft, sia per allontanare l’azienda dai suoi tradizionali ambiti di prodotto, i sistemi operativi e gli applicativi, trasformandoli in servizi cloud che possono essere utilizzati in maniera agnostica a seconda della piattaforma.

E che, per quanto riguarda invece Windows per Pc, c’è chi sostiene che Microsoft stia addirittura lavorando a una profonda trasformazione del sistema operativo spostandolo verso la base Linux/Unix per poter reindirizzare le risorse internet oggi impegnate nello sviluppo della tecnologia di base del sistema operativo all’interno dello sviluppo di soluzioni cloud.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link

Articolo 1 di 2