Microsoft "spegne" Linkedin in Cina: troppi paletti in chiave censura - CorCom

IL CASO

Microsoft “spegne” Linkedin in Cina: troppi paletti in chiave censura

Le crescenti pressioni di Pechino sul controllo del Web stanno inasprendo controlli e modalità operative. Redmond fa un passo indietro ma annuncia l’avvio di InfoJobs per la condivisione di annunci di lavoro

15 Ott 2021

Domenico Aliperto

LinkedIn non sarà più disponibile in Cina. Entro la fine dell’anno anche l’ultimo grande social network gestito da una compagnia Usa dovrà chiudere i battenti a causa di un “ambiente operativo significativamente più impegnativo e maggiori requisiti di conformità”. LinkedIn, quindi, seguirà la sorte di altre piattaforme di social media e siti web statunitensi come Twitter e Facebook, bloccati da più di un decennio dalle autorità di Pechino, mentre Google decise di chiudere le sue operazioni già nel 2010.

Il pressing delle autorità cinesi

È stata la stessa società (di proprietà di Microsoft dal 2016) a dara la notizia, spiegando di aver preso la decisione “visto l’aumento significativo dei problemi a livello operativo e ai crescenti requisiti richiesti in Cina”.

WHITEPAPER
Digital experience fluida e omnicanale: una guida completa

A marzo, le autorità cinesi avevano chiesto a LinkedIn di regolare diversamente i suoi contenuti, dando alla piattaforma 30 giorni di tempo, secondo quanto riferito dal Wall Street Journal. Negli ultimi mesi, LinkedIn ha notificato a diversi attivisti per i diritti umani, ad accademici e giornalisti cinesi il blocco dei loro profili, a causa della presenza di contenuti proibiti. L’autorità di vigilanza su Internet cinese a maggio ha dichiarato di aver trovato LinkedIn, il motore di ricerca Bing di Microsoft e circa 100 altre app coinvolte nella raccolta e nell’uso improprio dei dati e ha ordinato loro di risolvere il problema. Diversi studiosi quest’estate hanno riferito di aver ricevuto lettere di avvertimento da LinkedIn che stavano condividendo “contenuti vietati” che non sarebbero stati resi visibili in Cina ma potrebbero ancora essere visti dagli utenti di LinkedIn altrove.

La parabola di LinkedIn in Cina

LinkedIn ha comunicato che sostituirà la sua piattaforma in Cina con un servizio incentrato sul lavoro, senza le peculiarità dei social media, come la possibilità di condividere opinioni e articoli di giornale. Più nello specifico, Mohak Shroff, vicepresidente esecutivo della compagnia, ha sottolineato sul blog ufficiale che “la nuova strategia locale è concentrarci sull’aiutare i professionisti con sede in Cina a trovare lavoro in Cina e le aziende cinesi a trovare candidati di qualità”. Sarà un servizio limitato al solo Paese e non di connessione con l’esterno ed entro fine anno prenderà forma con il nome di InJobs, una nuova piattaforma di lavoro indipendente priva di social feed o della possibilità di condividere post o articoli.

LinkedIn esordì a febbraio 2014 in Cina con funzionalità limitate progettate per aderire alle leggi stringenti su Internet. L’espansione in quella regione sollevava “domande difficili” perché richiedeva la censura dei contenuti, ma che sarebbe stato chiaro come condurre gli affari in Cina e intraprendere “misure estese” per proteggere i diritti e i dati dei membri. Nonostante la morsa del Great Firewall, la società è tuttavia riuscita a trasformare l’operazione in un successo. LinkedIn non rivela quanto delle sue entrate proviene dalla Cina, ma riferisce di avere più di 54 milioni di membri nell’area, la sua terza base di utenti dopo il Stati Uniti e India.

Le Big Tech in fuga dalla Cina

Come accennato, quella di LinkedIn è solo l’ultima di numerose uscite di scena da parte delle Big tech americane. Google ha ritirato il suo motore di ricerca dalla Cina continentale nel 2010 dopo che il governo ha iniziato a censurare i risultati di ricerca e i video su YouTube. In seguito ha preso in considerazione l’idea di avviare un motore di ricerca cinese censurato soprannominato Project Dragonfly, ma ha abbandonato l’idea a seguito di una protesta interna nel 2018. Altre piattaforme di social media con sede negli Stati Uniti come Facebook e Twitter sono inaccessibili in Cina. Il motore di ricerca di Microsoft, Bing, è stato temporaneamente bloccato all’inizio del 2019, portando il presidente dell’azienda, Brad Smith, a rivelare che i dirigenti a volte devono affrontare difficili negoziati con il governo cinese sulla censura e rispetto altre richieste. “Comprendiamo di non avere la stessa libertà legale che abbiamo in altri paesi, ma allo stesso tempo ci atteniamo ai nostri mezzi”, ha detto Smith a Fox Business News nel gennaio 2019. “Ci sono alcuni principi che pensiamo che sia importante difendere, e a volte andremo nella stanza dei negoziati e le trattative a volte sono dannatamente dirette”.

Proprio ieri Xi Jinping era intervenuto in videocollegamento alla cerimonia di apertura della Seconda conferenza dell’Onu sui trasporti sostenibili globali, dicendo che la Cina continuerà “a tenere alta la bandiera del vero multilateralismo e a rimanere in contatto con il mondo e al passo con i tempi”. In questo modo, ha assicurato, “contribuiremo maggiormente allo sviluppo globale mentre perseguiamo il nostro”, basato sulla ricerca “di un nuovo sistema di economia aperta di standard più elevati”, con la determinazione “a promuovere la liberalizzazione e la facilitazione del commercio e degli investimenti“.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4