Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

IL TAKEOVER

Missione crescita per Aubay, acquisito l’IT di Ads

La società entra tra le prime dieci aziende del settore in Italia. Il presidente Riccardi: “Vogliamo coniugare in un percorso virtuoso sviluppo, reddito e occupazione”

12 Ott 2017

Far crescere l’azienda tramite una campagna di acquisizioni di società strategiche e complementari alla propria offerta di soluzioni e servizi. E’ con questo obiettivo che Aubay Italia, azienda specializzata nel settore dei servizi IT e consulenza direzionale, ha portato a termine il takeover del ramo d’azienda IT di Assembly Data System, che occupa 550 dipendenti nelle sedi di Milano, Roma, Napoli e Bologna. Per l’anno in corso, Ads ha ricavi previsti per circa 35.000.000 euro.

L’ operazione, si legge in una nota della società, si inserisce in un piano strategico di sviluppo teso a consolidare e rafforzare la presenza di Aubay nel settore delle telecomunicazioni ed energia. A seguito di questa acquisizione, Aubay si posizionerà – con ricavi proforma previsti a 110 milioni di euro e 1.800 dipendenti – tra le prime 10 aziende italiane di servizi nel settore IT. In Europa il gruppo prevede ricavi per 400 milioni di euro con oltre 5.500 dipendenti.

“Non è un punto di arrivo ma una nuova partenza – afferma Paolo Riccardi, presidente di Aubay Italia – Resta forte l’ambizione, infatti, di continuare a costruire un modello di azienda unico che coniughi, in un percorso virtuoso di sviluppo, reddito e buona occupazione. Abbiniamo alla crescita costante e alla redditività, una posizione finanziaria virtuosa che permette di sostenere meccanismi periodici di crescita ‘straordinaria’. Gli utili sono sempre reinvestiti nell’impresa e il tasso di indebitamento è sostanzialmente nullo. Nei pilastri fondanti c’è l’ambizione di costruire un modello di azienda che abbia un ruolo ‘sociale’ con un compito istituzionale, generando una buona occupazione e coniugando, in un percorso virtuoso, sviluppo, reddito e occupazione”.