Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Missione messicana per Dedagroup. Obiettivo: innovare le banche

In collaborazione con le autorità locali la società trentina metterà a disposizione di 98 istituti di credito un sistema bancario integrato

28 Gen 2010

Dedagroup sbarca in Messico. La software house trentina,
specializzata in soluzioni per il settore bancario ha annunciato
l’apertura di una filiale messicana, per fornire soluzioni
software e servizi a banche di piccola e media dimensione in
America Latina. L’operazione si inserisce nel processo di
globalizzazione dei mercati avviato dall’azienda con la
realizzazione di sistemi informativi bancari in Repubblica Ceca,
Ungheria, Albania e Croazia.  

Fondata nel Luglio 2009, la filiale messicana Dedamex ha visto un
investimento iniziale di oltre 2,5 milioni di euro fra capitale e
immobilizzazioni. Di questi, 1 milione di euro è stato finanziato
al 24% dal fondo interministeriale di venture capital (legge
100/90) e per un ulteriore 24% da parte di Simest, la società
controllata dal governo italiano per lo sviluppo e la promozione
delle imprese fuori dai confini nazionali. Secondo il piano, il
giro d'affari arriverà a 4 ml di euro entro la fine del 2011,
con un ritorno dell’investimento previsto entro il 2012.
“A fronte della recente crisi finanziaria – spiega Alessandro
Pocher,dDirettore Area Mercati di Dedagroup – le proposte del
nostro Gruppo nel settore del credito sono risultate
particolarmente attraenti sui mercati internazionali poiché
consentono lo sviluppo di nuovi soggetti in grado di coprire
segmenti di mercato non più direttamente presidiati dalle grandi
banche”.

Sede di Dedamex è lo stato di Durango, il cui governo è
particolarmente attento allo sviluppo del sistema cooperativo
bancario con l’obiettivo di garantire l’erogazione di credito
alle fasce più deboli della popolazione. In questo senso sono
stati avviati contatti tra il governo locale e Cooperazione
Trentina. “Lo studio del modello cooperativo italiano e in
particolare di quello trentino – ha dichiarato il segretario
all'economia dello stato di Durango, Jorge Reynoso Martinez –
è stato determinante nell’individuare un progetto per lo
sviluppo sociale ed economico adatto al nostro Paese, con
l’obiettivo di facilitare collaborazione, autonomia e
indipendenza dei tanti piccoli imprenditori agricoli e non che
costituiscono il nerbo della nostra economia”.

Il modello adottato dalle autorità messicane prevede un forte
impulso del sistema bancario cooperativo, non solo attraverso
l’erogazione dei servizi di sistema informativo, ma anche
aiutando i singoli istituti a “fare banca in un’ottica
moderna” grazie al potenziamento dei servizi per i propri
associati: efficienza nella gestione delle attività di sportello,
gestione affidamenti (mutui e prestiti), gestione delle carte di
debito e di credito attraverso le diverse reti interbancarie e la
formazione del personale. L'obiettivo ultimo è la fornitura
dei servizi ad oltre 10 entità di credito supportate dallo Stato
di Durango e 38 istituti affiliati Unisap. La maggiore federazione
cooperativa bancaria messicana ha stilato un accordo con Dedagroup
che porterà allo sviluppo congiunto di un centro di outsourcing in
grado di fornire consulenza e sviluppare il sistema informativo
bancario delle casse della federazione.

La soluzione proposta è BankUp, un sistema informativo bancario
integrato destinato al mercato internazionale, in grado di fornire
una totale copertura funzionale dell’operatività della banca
adattandosi alle esigenze di istituti di varie tipologie,
dimensioni e nazionalità. La piattaforma è giù utilizzata dalla
Caja Solidarias di Nuevo Ideal.