Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

RAPPORTO REUTERS INSTITUTE

Mobile e social network, il futuro delle e-news è già qui

Reuters Institute: Facebook & Co fonti di notizie per il 50% dei lettori. In Italia informazione ancora dominata dalla televisione, ma il canale Internet è in crescita

16 Giu 2016

Andrea Frollà

Un’informazione sempre più digitale, mobile e anche social. Quelle che fino a qualche tempo fa erano considerate le sfide nuove sfide del mercato editoriale sono ormai trend consolidati. A spiegarlo è l’ultimo Digital News Report del Reuters Institute di Oxford, che preannuncia un futuro ricco di “connessione” per le news.

A partire dal mobile, utilizzato dal 53% delle persone per leggere le news. Spesso sui social network, che sono fonte di notizia per il 50% degli utenti anche se solo il 12% la utilizza come canale principale. Al top fra i social c’è Facebook (44% del campione), seguito da Youtube (19%) e Twitter (10%). I video dominano i social ma, spiega il rapporto del Reuters Institute, a livello globale il 78% delle persone preferisce le notizie testuali. In Italia si è anche più disposti a pagarle che in altri paesi, visto che il 16% degli italiani ha pagato contenuti di e-news: un numero che piazza il Belpaese al 4° posto a livello globale. Naturalmente, oggi il mix tra lettore, telespettatore e utente del web si informa in modi diversi da paese a paese. In generale, in Italia domina ancora la televisione, utilizzata sia come fonte primaria di informazione da 8 italiani su 10 sia come primo contatto giornaliero con le notizie, seppur con numeri minori (43%).

“L’Italia si caratterizza per un sistema televisivo molto forte, un più debole settore della stampa, un crescente uso della Rete e dei dispositivi per quanto riguarda l’informazione”, spiega l’istituto di Oxford. Insomma, la tv domina ancora l’informazione italiana, ma i giornali hanno una grande occasione. Tra digitale in senso lato, mobile e social network le occasioni di crescita, soprattutto dopo anni difficili, non mancano.

Articolo 1 di 4