Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

L'ACQUISIZIONE

Mobile enterprise, la nuova scommessa Ibm

Big Blue firma l’accordo definitivo per l’acquisizione di Worklight, società israeliana che ha messo a punto una piattaforma open per la distribuzione multidevice delle app. “Per i nostri clienti una chance di new business”

03 Feb 2012

F.Me.

Ibm scommette sul mobile enterprise e lo fa firmando l’accordo definitivo per acquistare Worklight, società a capitale privato con sede in Israele, che fornisce software mobile per smartphone e tablet. Worklight diventerà un importante tassello della strategia di mobilità di Ibm, offrendo ai clienti una piattaforma aperta per accelerare la distribuzione delle applicazioni mobili a diversi dispositivi.

“I nostri clienti avvertono la forte pressione data dalla necessità di soddisfare le esigenze dei dipendenti e della clientela, che ormai considerano la mobilità un aspetto critico per il business – spiega Marie Wieck, general manager, Ibm application and infrastructure middleware – Con l’acquisizione di Worklight, Ibm è nella posizione ideale per aiutare i clienti a sfruttare in modo più intelligente le opportunità offerte dai dispositivi mobili e a raggiungere nuovi mercati”.

Nel dettaglio Worklight supporta applicazioni rivolte ai consumatori e agli utenti aziendali in una vasta gamma di settori, tra cui servizi finanziari, retail e assistenza sanitaria. Ad esempio, una banca può creare un’unica applicazione per offrire ai clienti funzionalità per collegarsi in modo sicuro al proprio conto, pagare le bollette e gestire gli investimenti, indipendentemente dal dispositivo utilizzato. Allo stesso modo, un ospedale potrebbe usare la tecnologia Worklight per estendere il suo sistema IT esistente e consentire a un paziente di inserire direttamente i dati sulla propria anamnesi, le allergie e i farmaci prescritti, utilizzando un tablet.

I dettagli finanziari dell’operazione non sono stati resi noti.

Secondo un recente studio condotto da Ibm su più di 3.000 cio globali, il 75% degli intervistati ha identificato nelle soluzioni per la mobilità una delle principali priorità di spesa: 2011, per la prima volta in assoluto, il numero di smart phone consegnati ha superato quello totale dei Pc.

Argomenti trattati

Approfondimenti

I
ibm