Lo stu

Moda e digitale, il futuro è nel Metaverso

Una indagine di Klarna rivela che in Italia più di otto appassionati su dieci vorrebbero “fashion week virtuali”. Molto usato Instagram: il 78% dei consumatori se ne serve per rimanere aggiornato su sfilate e tendenze

27 Set 2022

Lorenzo Forlani

Gucci 2020 SS Fashion Show
Quasi nove fashion lover su dieci, in Italia, accolgono con favore l’approdo della moda sul Metaverso: solo il 10% è ancora convinto che la moda dovrebbe essere esclusivamente fisica. Inoltre, ben la metà degli amanti della moda del Belpaese (49%) va alla ricerca di foto e video delle collezioni presentate sulle passerelle, ritenendo le sfilate un’importante fonte di ispirazione per i propri outfit. Milano conquista la classifica delle Fashion Week più amate, tanto da essere scelta come vera e propria risorsa di modelli di stile da più di 8 italiani su 10 (83%). Sono alcuni dei dati emersi da un’indagine appena condotta da Klarna, leader globale nei servizi bancari, di pagamento e di shopping, sul ruolo di social media e Metaverso nel rapporto dei consumatori con le ultime tendenze della moda. 

Instagram il social più usato dai fashion lovers

Sul fronte dei social media, tra i canali social più utilizzati durante le Settimane della Moda è Instagram a spiccare, i cui post, video, reels e stories vengono apprezzati dal 78% degli utenti. Seguono Facebook, scelto dal 60% degli italiani e YouTube (52%). Da non sottovalutare TikTok, utilizzato da 4 consumatori su 10 per condividere contenuti a tema fashion. Non solo: celebrity (74%) e fashion designer (70%) sono gli account più seguiti durante le Fashion Week, insieme a brand di moda (65%) e influencer (61%).
 
Dopo quasi due anni il settore fashion è tornato a crescere ed è quindi importante per le aziende identificare le strategie migliori per rivolgersi ai consumatori. Le Fashion Week rappresentano un appuntamento chiave nel calendario della Moda internazionale, nonché uno strumento importante per i brand sia per determinare i nuovi trend stagionali, sia per sfruttare le dinamiche del cosiddetto “see now, wear now”.

 Dopo la pandemia, shopping sempre più fluido

“Durante la pandemia, i consumatori hanno scoperto modalità di acquisto digitali che hanno aperto la strada a nuovi modelli di fruizione destinati a durare nel tempo. La moda non fa eccezione, tanto che la Fashion Week di Milano che si è appena conclusa ha nuovamente ospitato alcuni eventi digitali accanto alle sfilate tradizionali”, ha commentato Francesco Passone, Country Manager Italia di Klarna. “La diffusione dei social network, le nuove tecnologie e lo sviluppo di soluzioni davvero consumer-oriented hanno contribuito a rendere lo shopping sempre più fluido e accattivante. I nostri dati confermano l’importanza per i brand che operano nel mondo della moda di guardare al futuro accogliendo i nuovi paradigmi, per rispondere appieno alle esigenze delle nuove generazioni di consumatori e rimanere competitivi sul mercato”, ha aggiunto.

 Cresce l’interesse per la Metaverse Fashion Week

Particolarmente rilevante appare l’inclinazione dei consumatori verso il Metaverso: la “Metaverse Fashion Week” si è tenuta quest’anno per la prima volta ed è destinata a non rimanere un evento isolato. Oltre 2 italiani su 3 (68%), infatti, hanno ormai familiarità con il termine, e ritengono che possa essere adatto per i propri acquisti fashion (69%). Un terzo (33%) ritiene addirittura entusiasmante il fatto che i brand possano ricorrere ad avatar dei propri ambassador per presentare i nuovi capi di tendenza. Infine, un numero crescente di consumatori è favorevole a nuove esperienze basate sulla realtà virtuale e aumentata. Sono ben 7 su 10, infatti, i fashion enthusiast che si dichiarano interessati a provare servizi innovativi, tra cui i camerini virtuali.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4