L'INIZIATIVA

Moda e made in Italy, via alla piattaforma digitale Trick

Lanificio fratelli Piacenza capofila del consorzio impegnato sul progetto, di cui fa parte anche Enea. La tecnologia blockchain utilizzata per il tracciamento dell’intera filiera dell’abbigliamento, dalla materia prima al fine vita. Coinvolti 31partner di 11 Paesi europei nell’ambito di Horizon 2020

Pubblicato il 12 Apr 2023

blockchain_699641242

Utilizzare le potenzialità della blockchain per tracciare, attraverso una piattaforma digitale, tutto il percorso che compie un capo d’abbigliamento dalla materia prima al fine vita: è il rogrtto Trick, finanziato nell’ambito del programma quadro Horizon 2020, costituito da 31 aziende, associazioni, enti no profit e centri di ricerca di 11 paesi. Nel consorzio attuatore c’è Enea, mentre a coordinare l’iniziativa è il Lanificio Fratelli Piacenza.

Enea è coinvolta nel progetto con due laboratori impegnati nella definizione degli standard, negli studi su tracciabilità e interoperabilità dei sistemi e nella valutazione dell’impatto ambientale dei prodotti in ottica di economia circolare. Il lavoro è nato in continuità con l’iniziativa eBIZ ed è in connessione con il progetto per la tracciabilità nelle filiere del fashion trasparenti e sostenibili promosso da UNECE, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per il Commercio Elettronico.

Garantire la sostenibiità dei capi

“Grazie all’applicazione sarà possibile tracciare la qualità dei processi produttivi, la salubrità e la circolarità delle materie prime utilizzate per la produzione dei capi, garantendone la sostenibilità – afferma Gessica Ciaccio, ricercatrice Enea del Laboratorio Cross technologies per distretti urbani e industriali – Le applicazioni della blockchain permettono il collegamento univoco tra i beni e le loro caratteristiche registrate in piattaforma, dove ogni modifica viene annotata e dove si possono stabilire diversi livelli di accesso alle informazioni. Il sistema è pensato per uno scambio automatizzato delle informazioni tra i sistemi aziendali, grazie anche a una estensione dello standard di comunicazione eBiz. Il progetto, attualmente focalizzato sul settore tessile tradizionale e dell’abbigliamento tecnico, prevede un’implementazione anche nel settore agroalimentare, per dimostrarne la replicabilità”.

I servizi

Sull’architettura di tracciabilità del progetto Trick potranno essere innestate le Certificazioni di Origine Preferenziale del prodotto, in collaborazione con l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, ma anche la valutazione dell’impatto ambientale. La blockchain, spiega Enea in una nota – contribuirà a garantire l’originalità dei capi, prevenendone la contraffazione, e concorrerà a tutelare i consumatori contro l’utilizzo di prodotti chimici pericolosi, certificando anche i requisiti di protezione dei lavoratori. Questi e altri servizi verranno resi disponibili su un marketplace di servizi B2B.

La circolarità dei processi produttivi

Tra i focus principali del progetto, su legge nel comunicato, anche la circolarità dei processi produttivi, attraverso il recupero dalla filiera delle informazioni necessarie ad assicurare un miglior riuso delle fibre dei prodotti al momento del fine vita. “Non solo – aggiunge Ciaccio – L’applicazione consentirà di contrastare anche il fenomeno dell’ecologismo di facciata, azione ingannevole utilizzata da alcune aziende come leva di marketing per capitalizzare la crescente domanda di prodotti a basso impatto ambientale. Inoltre, restituirà al consumatore e a tutti i soggetti coinvolti nel settore trasparenza sui processi dell’intero ciclo di approvvigionamento e di produzione”.

Il progetto prevede l’utilizzo di una blockchain privata (Hyperledger) e una pubblica (Quadrans), per attivare la portabilità dei dati tra le due catene. “Una caratteristica fondamentale per trasferire informazioni tra i diversi interlocutori della filiera e tra i diversi software – conclude – senza che i dati perdano di affidabilità, anzi potendo contare su una blockchain pubblica che rafforza l’attendibilità di quella privata”.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 2