L'OPERAZIONE

Moneyfarm si espande in Uk: takeover su Profile Financial Solutions

Con l’acquisizione della società specializzata nell’aggregazione e consolidamento di posizioni pensionistiche, il gruppo italiano accelera l’espansione internazionale e consolida il business nel mercato previdenziale britannico

Pubblicato il 06 Dic 2022

Domenico Aliperto

merger-acquisizioni

Moneyfarm, società di consulenza finanziaria fondata nel 2011 da Paolo Galvani e Giovanni Daprà, acquista il 100% della britannica Profile Financial Solutions, consulente digitale specializzato nell’aggregazione e consolidamento di posizioni pensionistiche, che con il brand Profile Pensions conta oltre un miliardo di euro di masse e 24 mila clienti.

I dettagli dell’operazione

L’operazione, si legge in una nota, segna “un progresso significativo nel percorso di espansione internazionale di Moneyfarm, che supera i 3,8 miliardi di euro di masse in gestione e i 115 mila clienti a livello globale, affermandosi tra i leader nella gestione del risparmio con approccio digitale a livello europeo. L’acquisizione consolida, inoltre, il business della società nel mercato previdenziale del Regno Unito, che vale oggi oltre 780 miliardi di euro e ha registrato una crescita del 24% nel periodo 2016-2020, grazie all’impulso innescato dagli incentivi fiscali previsti dalla normativa britannica e dal grado di maturità e diffusione del welfare integrativo”.

WHITEPAPER
Gestione documentale per CDA: più semplicità e sicurezza su mobile
Amministrazione/Finanza/Controllo
Digital Transformation

L’acquisizione avverrà con un mix di cassa e azioni Moneyfarm. La componente in cassa sarà finanziata dagli attuali azionisti di Moneyfarm, in particolare da M&g, Poste Italiane, Cabot Square Capital, United Ventures e Fondazione di Sardegna. Conseguentemente Smedvig Capital, principale azionista di Profile Pensions, diventerà azionista di minoranza di Moneyfarm. Il closing dell’operazione è previsto nel corso del primo semestre del 2023, previe le necessarie autorizzazioni delle autorità di vigilanza. Barclays Bank, attraverso la sua divisione di Investment Banking, ha operato in qualità di advisor finanziario e Linklaters in qualità di advisor legale di Moneyfarm.

L’acquisizione nella strategia di Moneyfarm

L’affinità tra Moneyfarm e Profile Pensions, spiega la nota, nasce dalla comune vocazione digitale nell’approccio alla consulenza finanziaria. A partire dal 2015, con l’ingresso di Smedvig Capital nel suo capitale, Profile Pensions ha sviluppato una piattaforma tecnologica proprietaria che permette di aggregare, gestire e consolidare efficacemente gli investimenti a fini previdenziali, rendendo di fatto accessibile a milioni di risparmiatori britannici una consulenza finanziaria indipendente in materia previdenziale. “L’operazione conferma anche il positivo trend di crescita di Moneyfarm nei suoi mercati di riferimento: nel primo semestre 2022, nonostante la complessa fase attraversata dai mercati finanziari, Moneyfarm ha visto infatti crescere positivamente masse e clienti grazie al suo costante impegno nello sviluppo dei segmenti di business B2c e B2b2c e alla sua continua attenzione all’evoluzione delle esigenze di clienti e partner nel mutato contesto”.

Rispetto al primo semestre 2021, lo scorso 30 giugno Moneyfarm ha registrato un incremento del 36% dei flussi netti positivi, del 46% delle masse in gestione e un aumento del 50% della base clienti. A gennaio 2022 Moneyfarm ha inoltre completato un nuovo round di finanziamento del valore di circa 53 milioni di euro, sottoscritto da M&g, “lead investor”, e da Poste Italiane, già azionista di minoranza dal 2019. Contestualmente, M&g e Moneyfarm hanno siglato una partnership commerciale per il lancio di una nuova soluzione di investimento digitale sul mercato britannico.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 4