SOCIAL NETWORK

Musk assume la “star” degli hacker per migliorare Twitter

George “Geohot” Hotz in campo per tre mesi con l’obiettivo di lavorare alle funzionalità di ricerca della piattaforma. Rimandato per la seconda volta il lancio di Blue Verified, la spunta che identifica gli account certificati. Intanto il tycoon annuncia: “I licenziamenti sono finiti”. E si apre una finestra di ingaggio per ingegneri e addetti alle vendite

22 Nov 2022

Enzo Lima

placeholder

Prima lo sblocco degli iPhone e delle PlayStation, poi un ruolo in Google e Facebook. Adesso George “Geohot” Hotz, uno dei più famosi hacker al mondo, entra a far parte di Twitter. Lo sviluppatore lavorerà per tre mesi al fianco di Musk per migliorare lo strumento di ricerca del social network. “In termini di assunzioni, le persone che sono brave a scrivere codice sono la massima priorità” avrebbe detto il nuovo proprietario di Twitter durante una riunione con lo staff. Nelle ultime settimane, la piattaforma ha licenziato circa 7.500 dipendenti, ossia i due terzi di quelli impiegati a livello globale. Dalla stessa riunione intercettata da alcuni media, tra cui The Verge, sarebbe emerso che presto ogni dipendente dovrà inviare via mail a Musk, una volta a settimana, aggiornamenti sullo stato di avanzamento dei lavori a cui è stato assegnato.

Secondo l’imprenditore, la riorganizzazione dell’azienda vedrà all’inizio caos e “molti errori” ma si “stabilizzerà nel tempo”. L’aiuto da parte della comunità di sviluppatori per cercare di rendere Twitter una piattaforma più interessante e sicura non mancano.  Moxie Marlinspike, fondatore dell’app di messaggistica Signal, ad esempio si sarebbe offerto per aiutare a proteggere i messaggi privati, da utente a utente, sul microblog, dando così maggiore solidità alle voci che vedrebbero l’arrivo nei “direct” della crittografia end-to-end. Si tratta della stessa tecnologia che permette alle chat di WhatsApp e altri servizi di non poter essere lette da terzi, nemmeno da governi o hacker professionisti, perché criptate.

La spunta blu

Intanto viene ancora rimandato il lancio della spunta blu. Musk ha fatto sapere che il servizio – si doveva partire il 29 novembre – sarà reso disponibile quando “ci sarà la certezza di fermare l’impersonificazione”, cioè account fake. Inoltre, saranno con tutta probabilità utilizzati colori diversi che si tratti di individui o aziende. Intanto il social ha araggiunto 1,6 miliono di utenti attivi giornalieri. “Un altro massimo storico”, ha twittato Musk.  

WHITEPAPER
Le 7 tipologie di Customer Journey Map che devi conoscere!
Marketing
Advertising

Elon Musk più “povero”, ha perso 100 miliardi nel 2022

Tesla cala ai minimi degli ultimi due anni ed Elon Musk si impoverisce. Pur restando l’uomo più ricco del mondo con una fortuna di 169,8 miliardi di dollari, Musk – secondo i calcoli dell’agenzia Bloomberg – ha perso sulla carta 100,5 miliardi nel 2022, di cui 8,6 andati in fumo solo nella seduta di lunedì. Le azioni Tesla sono calate del 52% dall’inizio dell’anno, molto più del 29% dell’indice Nasdaq 100, in seguito alla battaglia di Musk per Twitter. Con il completamento dell’operazione, la pressione sui titoli del colosso delle auto elettriche è aumentata con gli investitori preoccupati dalla possibilità di un Musk distratto dalla società che cinguetta. Il patron di Tesla sta dedicando la maggior parte del suo tempo al social media, acquistato per 44 miliardi di dollari. Da quando ne ha assunto le redini, Musk ha ridotto drasticamente, a suon di licenziamenti, la forza lavoro della società. Nell’ultimo incontro con il personale, il miliardario è stato però più conciliante e ha spiegato come al momento i licenziamenti sono finiti. E ha aggiunto che all’azienda servono addetti alle vendite e ingegneri.

Rassicurazioni sono arrivate anche sul fronte della sede: resterà a San Francisco e non sarà trasferita in Texas, ha detto spazzando via le voci che si rincorrono da settimane sulla possibilità che Twitter possa seguire le orme di Tesla e SpaceX e lasciare la California. A impegnare Musk in casa Twitter non è solo la riorganizzazione ma anche le polemiche che accompagnano ogni sua mossa, a partire dal consentire a Donald Trump di tornare sulla piattaforma. E’ stato riammesso anche Kanye West, dopo l’espulsione per i tweet antisemiti. Il rapper ex marito di Kim Kardashian ha segnato il suo ritorno sulla piattaforma con uno ‘shalom’, ‘pace’ in ebraico.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

E
Elon Musk

Aziende

T
twitter

Approfondimenti

H
hacker

Articolo 1 di 5